A- A+
Roma
Pandemia e sciopero della Pa: “Lo Stato è in ginocchio dopo anni di tagli”

Coronavirus, in piena pandemia con partite iva in grave difficoltà commercio e servizi ridotto al minimo,. deflagra lo sciopero proclamato dal pubblico impiego per il 9 dicembre. Ed esplode la polemica contro la scelta dei sindacati di paralizzare il Paese al fianco di quelli che vengono definiti “i garantiti”.

Alberto Civica, segretario generale di Roma e del Lazio della Uil, accetta la sfida: spiegare le ragioni di uno sciopero che viene percepito come una protesta “di classe” e che rischia di dividere il mondo del lavoro.

Allora Civica, di fronte alla crisi del commercio, con le partite Iva in ginocchio e il mondo del lavoro precario e a tempo che ancora non è sceso in piazza solo grazie al blocco dei licenziamenti, chi ogni mese ha la garanzia dello stipendio ora sciopera. Un lusso?

“Intanto diciamo che uno sciopero è sempre una legittima rivendicazione. Io vorrei ricordare chi sono gli italiani del pubblico impiego: sono infermieri, vigili del fuoco, medici; sono i docenti della scuola. Una parte minoritaria viene identificata con l'Inps. Tanta gente che abbiamo chiamato “eroi” che il giorno dopo ci siamo dimenticati. Ecco, questo è il pubblico impiego. Quando c'era da definire il bonus per medici e infermieri ci siamo scordati che sono mal pagati; ci siamo scordati che abbiamo un problema di servizio pubblico che tutti abbiamo condiviso. Dobbiamo tornare al ragionamento su cosa ci ha portato al disastro”.

Mi permetta di insistere. Questo rischia di essere lo sciopero di chi lo stipendio ce l'ha. Difficile spiegarlo ha chi non ha ancora avito neanche la Cig.

“Sì è una rivendicazione economica e di sicurezza del lavoro, come per i sanitari, ma è anche una rivendicazione di efficienza dei pubblici servizi. Sono 30 anni che tagliano gli organici all'Inps e poi gli scaricano la gestione di 1,5 mln di Cig e si lamentano che sono in ritardo. Per 30 anni hanno fatto tagli alla Sanità e tutto è stato appaltato all'esterno e ora si scopre che la macchina pubblica deve tornare al centro della vita.E penso alla realtà romana dove dal 2016 ad oggi si sono persi 2500 posti di lavoro solo nelle partecipare mi viene in mente che i bus non si guidano da soli. Oggi bisogna riprogettare il futuro”che deve essere centrale nelle scelte del Governo. Ecco che lo sciopero allora non è giusto, è sacrosanto”.

Magari potrei essere d'accordo con lei ma prendendo ad esempio “il caso Roma”, torna in mente la classifica del ricorso alla legge 104 dei dipendenti pubblici romani. Un caso anomalo?

“Roma e il Lazio sono una città e una regione di anziani. Abbiamo livelli di nascite da Dopoguerra, ci stiamo invecchiando e i nostri giovani vanno in Lombardia, normale che l'assistenza per parenti malati sia una voce “pesante”. Ma nel privato non è così forte il ricorso alle 104... “Ci credo, se hai contratti a 6 mesi, la procedura neanche la fai. Tempo di fare le carte e hai già cambiato lavoro 7 volte”.

Parliamo di Roma e della campagna elettorale. Quanto vale?

“Per Roma vale moltissimo: chi domani andrà a governare il Comune deve intanto tentare di risalire la china rispetto all'idea che l'Italia ha della sua Capitale. Gli investimenti si fanno sull'immagine del Paese. Parigi ha 60 miliardi l'anno e noi dobbiamo fare a botte con Milano per avere un decreto. La verità è che Rona ha un tessuto sociale e infrastrutturale che va ricostruito. Per questo sarà fondamentale che il futuro sindaco parli con Regione Governo per risolvere la questione e non come ora che l'unico rapporto era lo scarico delle responsabilità. Ora quelli di prima non ci sono più e e quelli che ci sono ora non hanno fatto niente”.

Prospettive per Roma?

“Le rispondo con una battuta: io speriamo che me la cavo. Vorrei che si capisse che bisogna cambiare politica”. Anche per Roma la grande coalizione? “Non mi convince, io vorrei evitare la grande contrapposizione”

Loading...
Commenti
    Tags:
    panedmiavirussciopero 9 dicembredipendenti pubblicisciopero dipendenti pubblicicaso romapartecipate romaamaatacvirginia raggicomune romaalberto civicauillegge 104pubblco impiegipainfermierisanità medicivigili del fuoco


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rivolta contro Roma dei Comuni: cantiere Acea follia, 2 mesi di caos traffico

    Rivolta contro Roma dei Comuni: cantiere Acea follia, 2 mesi di caos traffico

    i più visti
    i blog di affari
    Imbarazzo a C’è posta per te, una signora perde la dentiera
    Francesco Fredella
    Tecla ad Amici, la sorpresa in camerino. “Oggi la seguo dal backstage...”
    Francesco Fredella
    Grande successo della diretta Facebook di ANPAL ed ENM su Affari Italiani
    Paolo Brambilla - Trendiest News

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.