A- A+
Roma
Pecorino e porchetta, allarme Brexit: il Regno Unito saluta il made in Italy

Dal pecorino romano fino alla porchetta di Ariccia, a causa della Brexit per i prodotti italiani agroalimentari rischia di aprirsi uno scenario problematico che potrebbe costare caro alle eccellenze del made in Italy. Senza un accordo commerciale dettagliato tra le due parti si assisterebbe al ritorno delle frontiere con il conseguente pagamento di dazi e controllo delle merci che provengono dall'Italia.

 

Secondo Coldiretti, che ha lanciato l'allarme, a rischio sarebbe il 30% dei prodotti agroalimentari italiani, che corrispondono a forniture stimate pari a circa 3,4 miliardi di euro (nel 2019). L'Italia è infatti il Paese europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall'Unione Europea. In particolare si tratta di 823 prodotti di cui 300 agroalimentari e 524 vini. Nel sistema risultano inoltre coinvolti circa 200.000 operatori e 283 Consorzi di tutela.

Il Lazio conta tra ben 67 tipicità enogastronomiche di cui 36 vini, 2 grappe e liquori e 29 prodotti agroalimentari (16 DOP, 11 IGP e 2 STG) tra i quali primeggiano la famosissima e apprezzatissima porchetta di Ariccia e il Pecorino Romano DOP.

“Affinché si possa salvaguardare il made in Italy agroalimentare è necessario stipulare un accordo nel quale vengano regolate una serie di questioni fondamentali per gli scambi commerciali - commenta Rosa Mosca di Rödl & Partner, colosso internazionale nella consulenza legale - e che non deroghi ad alcuni principi fondamentali dell'agricoltura europea: ovvero la tutela dell'ambiente e della salubrità degli alimenti, la salvaguardia dell'agricoltura in quanto tale, il riconoscimento dell'origine dei prodotti e delle materie prime”.

“Ma non solo - continua l'esperta di Rödl & Partner - il riconoscimento delle indicazioni geografiche protette IGP o denominazione di origine protetta DOP, senza intesa, non sarebbero più garantite sul mercato britannico, con il conseguente avanzamento delle imitazioni e delle contraffazioni delle nostre specialità e il rischio di vendita in Paesi terzi che non rispettano gli standard europei come ad esempio gli USA”.

“In attesa degli auspicati accordi commerciali - conclude Rosa Mosca - per ciò che concerne i titoli di privativa quali i marchi collettivi, che informano i consumatori che il produttore dei beni o il fornitore di servizi appartiene a una determinata associazione di categoria e che ha il diritto di utilizzare il marchio, come per esempio il Grana Padano o il Vetro artistico Murano e di certificazione dell'UE, che hanno lo scopo di certificare determinate caratteristiche dei prodotti o dei servizi, ci sarà la possibilità entro 9 mesi dall'uscita definitiva del Regno Unito dall'UE di creare un corrispettivo parallelo marchio nazionale, così da avere una tutela, seppur minima, del prodotti italiani nel Regno Unito”.

Ad esempio il Consorzio di Tutela della la mozzarella di bufala campana DOP, già registrato come marchio collettivo dell'Ue (atto che copre tutti i Paesi intesi come unica area geografica), nel momento in cui si è concretizzata l'ipotesi della Brexit, si è attivato tempestivamente provvedendo alla registrazione del marchio collettivo direttamente in Gran Bretagna, ottenendo il "Grant of Protection", ovvero la protezione nel Regno Unito. Grazie a questa azione, esiste dunque una protezione del marchio come titolo di privativa nazionale.

Loading...
Commenti
    Tags:
    pecorino romanoporchetta aricciamade in italyspecialità italianecucina italianabrexitregno unitoueunione europeabrexit daziprodotti dopprodotti igp
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus: Elisa D'Ospina posa in lingerie davanti al frigorifero di casa

    Coronavirus: Elisa D'Ospina posa in lingerie davanti al frigorifero di casa

    i più visti
    i blog di affari
    Talk tv, vince la d’Urso su tutti. Tra Giletti a Fazio “braccio di ferro”
    di Francesco Fredella
    Ti sei lavato le mani?
    di Anna Capuano
    Coronavirus, la scienza? Un dogma religioso: inquisisce chi non si allinea
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.