A- A+
Roma
Pesce e carne putrefatti per ristoranti. Il camion dell'orrore all'Esquilino

Oltre cento chili di alimenti mal conservati e in pessime condizioni igieniche sono stati sequestrati dalla polizia locale di Roma. Il cibo era ammassato su un camion nel quartiere Esquilino. Multa per il responsabile di oltre 2000 euro.

La polizia locale di Roma ha individuato ieri nel quartiere Esquilino un autocarro carico di oltre cento chili di alimenti conservati in cattive condizioni e a elevato rischio per la salute dei consumatori. Immediato il sequestro e multa di oltre duemila euro per il responsabile.

Due agenti nella zona hanno notato un camion in via Cairoli che, con vano aperto, stava effettuando operazioni di carico e scarico merci. Quando si sono avvicinati per un normale controllo si sono trovati di fronte oltre cento chilogrammi di prodotti alimentari, in particolare pesce, carne, frutta e verdura trasportati su di un mezzo privo di cella frigorifera, in pessime condizioni igieniche e non separati tra loro in modo da evitare la contaminazione tra alimenti. In particolare, il pesce surgelato, esposto a temperature non idonee, aveva già palesemente subito l'interruzione della catena del freddo.

Appena i vigili hanno accertato la mancanza di requisiti di trasporto e conservazione hanno immediatamente allertato il personale Asl, che ha confermato l’inidoneità al consumo di gamberi, molluschi, code di bovino, spatole, branzino e altri alimenti. Per tutta la merce sequestrata è stata disposta la distruzione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pescecarnecrostaceialimentipolizia localeconservazione alimentiristoranti esquilino



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
    Boschiero Cinzia
    Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
    di Avv. Francesca Albi*
    Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.