A- A+
Roma
Pesci morti galleggiano sul Tevere: allarme inquinamento nella Capitale

Grandi carpe ed altri pesci galleggiano morti sul Tevere, esplode l'allarme inquinamento a Roma: Arpa Lazio al lavoro sull'analisi dell'acqua.

 

Ad allertare i carabinieri del Noe di Roma la sede nazionale dell'associazione ambientalista Marevivo, che ha segnalato la presenza anomala di pesci morti nel fiume. I campioni, prelevati tra Ponte Risorgimento e Ponte Margherita, saranno analizzati dall’Istituto zooprofilattico sperimentale Lazio e Toscana M. Aleandri per stabilire le reali cause della morte, mentre l’Arpa Lazio si concentrerà sulle analisi dell’acqua. Un fenomeno allarmante sul quale si interroga anche l'associazione ambientalista, che, tramite il presidente Rosalba Giugno, condanna l'incuria e il livello di inquinamento raggiunto dal Tevere: "Da sempre i fiumi hanno rappresentato i luoghi presso i quali sono sorte le grandi civiltà e hanno dato ricchezza all’uomo, che oggi purtroppo è la prima causa del loro profondo degrado e inquinamento che arriva direttamente ai nostri mari - osserva  Giugni -. Il Tevere, purtroppo ormai nastro trasportatore di rifiuti, resta un corso d’acqua straordinario, pieno di vita e con una storia antichissima tutta da riscoprire".

Sullo stato critico del Tevere arriva inoltre la bacchettata del Pd, che, tramite il responsabile ambiente Athos De Luca, denuncia l'immobilismo dell'Ufficio Speciale Tevere, puntando il dito contro la giunta pentastellata: "La moria di pesci denunciata da Mare Vivo, probabilmente dovuta alla concentrazione dell'inquinamento anche in ragione della riduzione della portata, è il segno dello stato di degrado e abbandono in cui versa il fiume della Capitale - accusa in una nota De Luca - mentre tutte le capitali europee valorizzano i loro fiumi Roma non è in grado neppure di assicurare un minimo di pulizia e decoro mostrando ai turisti e ai romani uno spettacolo indecente e inaccettabile. A Marzo la giunta ha annunciato con grande pubblicità la istituzione dell'Ufficio Speciale Tevere,con progetti ambiziosi su cui è calato il silenzio assoluto. In sei mesi non è stato fatto nulla. Non una proposta per la pulizia, la manutenzione e la sicurezza. Non una parola sui finanziamenti europei e sul contratto di fiume per il Consorzio Tiberina si è tanto impegnato...nulla di nulla. Ci domandiamo che fine abbia fatto Il neo Ufficio Speciale Tevere, chi ci lavora, cosa stanno facendo, quali proposte e progetti hanno avviato? Forse la moria dei pesci ha colpito anche l'Uffico Tevere senza che nessuno ne abbia dato notizia? A questo punto sarebbe opportuno chiuderlo per non aggiungere al danno la beffa".

Tags:
pescimortitevereallarmeinquinamentorifiutiromamarevivo
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Virus e assembramenti, Raggi sfida la Regione: negozi cambiano orari a Roma

Virus e assembramenti, Raggi sfida la Regione: negozi cambiano orari a Roma

i più visti
i blog di affari
Bussola Italia: bene cabina di regia per Recovery Fund, ma governance chiara
Paolo Brambilla - Trendiest
Se la Miss bussa alla porta? Tenetevi pronti ad un nuovo format
Rudy Cifarelli
Covid, il distanziamento senza fine non può essere la nuova normalità
Di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.