A- A+
Roma
Piazza Indipendenza, Minniti incontrerà Raggi. Forano nega l'accoglienza

Sgombero di via Curtatone e piazza Indipendenza: Campidoglio e Governo al lavoro per trovare una soluzione abitativa per centinaia famiglie di rifugiati.

 

Gli scontri tra sgomberati e Polizia della scorsa settimana e il gioco dello scaricabarile delle colpe tra le istituzioni hanno lasciato la città di Roma come sospesa in una bolla di calma apparente, mentre ancora non ci sono soluzioni pratiche da mettere in atto per togliere dalla strada i rifugiati. Oltre a quelli di via Curtatone, decine di persone sono accampate dalla settimana di Ferragosto tra le colonne di ingresso della basilica dei Santi Apostoli, ospiti della chiesa. Famiglie, minori e una donna incinta che non si sono letteralmente trovate per la strada, ma che ancora non possono contare di un tetto sopra la testa e aspettano che il Comune di Roma si muova anche per loro.
Virginia Raggi, dopo un weekend di chiamate e messaggi, è riuscita a ottenere un incontro col ministro dell'Interno Marco Minniti, inizialmente titubante. Il Governo ha quindi accettato di collaborare col Campidoglio per trovare con rapidità una soluzione abitativa per le famiglie rimaste senza casa.
Già nel suo primo intervento su Facebook riguardo allo sgombero di Piazza Indipendenza, il sindaco aveva attribuito le colpe della mala gestione a Regione da una parte e Governo dall'altra, ricordando che migranti e rifugiati erano un'incombenza che pendeva su tutta Italia e non solo sulla città di Roma.
A monte la soluzione provvisoria che Raggi aveva trovato insieme ai proprietari dell'immobile di via Curtatone: le villette in provincia di Rieti che avrebbero dovuto ospitare alcune delle famiglie sgomberate a titolo gratuito per massimo 6 mesi non potranno essere utilizzate. Raggi si era infatti scordata di avvertire sindaco e giunta di Forano e il Consiglio comunale della cittadina del rietino ha votato e stabilito che per il Comune è impossibile accogliere i migranti a Gravignano, “qualunque sia il loro status, di rifugiati o richiedenti asilo”.
Un'ipotesi ventilata per far fronte al problema è quella di utilizzare i beni confiscati alla mafia per far fronte all'emergenza abitativa. Una soluzione possibile ma non di semplice realizzazione e molto probabilmente Raggi aspetterà l'esito dell'incontro con Minniti prima di muoversi in quella direzione.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
piazza indipendenzavirginia raggimarco minniticampidogliosgomberisgomberatirifugiatialloggiforano



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il gelato d' autunno a Longarone: il Made in Italy riparte in dolcezza
CasaebottegaJalisse
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.