A- A+
Roma
Prescrizione: “Se Bonafede non è capace faccia altro”. Avvocati all'attacco

di Fabio Carosi

Prescrizione e equa durata dei processi, sulla riforma della Giustizia, ll presidente dell'Ordine degli Avvocati di Roma, Antonino Galletti va all'attacco del ministro Alfonso Bonafede M5S e non risparmia critiche a Piercamillo Davigo, “che ha un concezione sociologica per cui un innocente è un colpevole che non è stato ancora scoperto”.

Avvocato Galletti, che ne pensa di questa riforma?

“Noi sosteniamo che la riforma della prescrizione è contraria agli interessi dei cittadini. Allunga in maniera ingiustificata la durata dei processi e contrasta col principio costituzionale di matrice europea della giustizia. Infine ci porrà anche come fanalino Ue sui tempi del giudizio”.

L'obiettivo però è giusto: evitare che i processi finiscano nel nulla solo per i tempi infiniti, o no?

“Guardi, una sentenza che giunge a distanza di anni è in ogni caso una mancata giustizia anche di fronte un colpevole”.

antonino galletti ordine avvocati 01
 

Come se ne esce da questa situazione e perché la politica ha tanta fretta?

“Ci sono istanze giustizialiste da parte della società civile che si vogliono accontentare. Si parla alla pancia della gente e i politici agitano la parte più becera invece di dare indicazioni e linee politiche giuste”.

E come se ne esce?

“Se ne esce dimostrando tra qualche anno che l'aumento della criminalità non ha nessun legame logico con la prescrizione. "La prescrizione opera per gli innocenti non per i colpevoli; da noi si è colpevoli solo con sentenza definitiva; è una fesseria dire che senza prescrizione ci saranno più colpevoli in galera".

Il dottor Piercamillo Davigo è particolarmente impegnato nel sostegno alla riforma Bonafede, perché?

"Il dottor Davigo talvolta sembra propendere per una sua concezione personale secondo la quale un soggetto innocente è solo un colpevole che non è ancora stato scoperto. In realtà questa riforma la sostiene solo il Movimento Cinque Stelle che ci ha costruito una battaglia personale come quella sul Reddito di Cittadinanza. Tutti gli altri, Pd compreso, hanno forti dubbi. Anzi, il Pd che si occupa di diritto è contrario”.

Presidente Galletti, come si fa ad accorciare i processi?

“Assumendo uomini e strutture, invertendo sulla giustizia. Le do un dato carino che sarebbe bene far girare. Oggi al Tribunale di Roma, su una pianta organica di 1250 persone, sono in servizio effettivo 790”.

E dove stanno gli assenti?

“Non fanno i concorsi e non li assumono. Come può funzionare un'organizzazione con 460 unità di meno. E' un miracolo che si facciano udienze. Un ministro dovrebbe fare questo, se non è in grado facesse un'altra cosa. Il problema non è la prescrizione ma far funzionare la Giustizia e i processi”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    prescrizionegiustiziabonafedeavvocati romaantonino gallettipiercamillo davigotribunale romatempi processiriforma giustiziam5sriforma bonafede



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.