A- A+
Roma
Processi sommari al 'Tribunale Ultras'. "Botte a chi non difese De Santis"

Daniele De Santis, l'ultrà romanista finito a processo per l'omicidio di Ciro Esposito, non sarebbe stato solo nelle fasi dell'attacco al pullman dei tifosi napoletani di poco precedente al ferimento mortale del giovane supporter partenopeo giunto a Roma per la finale di coppia Italia tra Napoli e Fiorentina il 3 maggio 2014. Stando a quanto riferito in aula da Diego Parente, ex dirigente della Digos capitolina, ascoltato in aula, sarebbe infatti "emersa la possibilità che ci fossero altre 3 persone travisate" che, pur "non avendo avuto un comportamento attivo" avrebbero "spalleggiato De Santis". Le stesse tre persone che, ha aggiunto il testimone rispondendo alle domande dei pm Eugenio Albamonte e Antonino di Maio, "stando a fonti confidenziali" sarebbero state sottoposte a "una sorta di processo da parte del tifo organizzato romanista". Una specie di grottesco tribunale con il quale gli ultrà giallorossi avrebbero cercato di verificare perché chi era con De Santis non lo aveva spalleggiato a dovere".

Una tesi, questa della possibile presenza di altri tre romanisti sul luogo degli incidenti che avrebbe poi portato al ritrovamento di un k-way e di un mazzo di chiavi in un campo incolto, situato nei pressi del Ciak Village, che sarebbe servito da via di fuga per i tre fiancheggiatori di De Santis. A sostegno di questa ipotesi, inoltre, ci sarebbe la testimonianza di un militare che, dalla sua postazione nella caserma dei Carabinieri a cavallo (nelle immediate vicinanze del Ciak Village) avrebbe visto un gruppetto di persone allontanarsi. Attraverso lo stesso campo, i tre sarebbero poi arrivati sulla tangenziale, all'altezza del viadotto Fleming. Zona, quest'ultima, già in passato teatro di agguati e scontri tra tifosi.

Antonella Leardi, madre di Ciro ha seguito con grande tensione tutte le fasi dell'udienza e, in particolare, nel momento in cui da uno dei filmati si sono uditi distintamente quattro colpi di pistola, la signora si è abbandonata a una drammatica crisi di pianto. Non riuscendo a trattenere il dolore suscitato dalla visione delle immagini, la Leardi è stata accompagnata fuori dall'aula e per qualche minuto l'udienza è stata sospesa. Subito dopo la visione del materiale video, i giudicie dell'Assise hanno poi ascoltato le registrazioni delle comunicazioni radio intercorse tra le forze dell'ordine nei momenti più coincitati della vicenda.
xcol7

Iscriviti alla newsletter
Tags:
digostribunale ultrasciro esposito



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.