A- A+
Roma
Processo Cucchi bis, parla il primo testimone. Prossima udienza l'8 febbraio

È iniziato con la testimonianza del vicequestore Stefano Simonetti il processo bis per la morte di Stefano Cucchi, il geometra di 32 anni deceduto il 22 ottobre del 2009 all'ospedale Sandro Pertini di Roma, sei giorni dopo essere stato arrestato per possesso di droga.

 

Davanti alla prima Corte d'assise di Roma i 5 carabinieri imputati: i militari Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco, accusati di omicidio preterintenzionale; il maresciallo Roberto Mandolini che risponde di calunnia e falso, mentre lo stesso Tedesco, insieme con Vincenzo Nicolardi, é accusato di calunnia.
La prossima udienza si terrà l'8 febbraio.

Il processo

Stando a quanto accertato dal pm Musarò, di omicidio preterintenzionale devono rispondere i carabinieri Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco. A loro é attribuito il pestaggio di Cucchi "con schiaffi, calci e pugni", che provocò, con "una rovinosa caduta con impatto al suolo della regione sacrale", lesioni in parte guaribili in almeno 180 giorni e in parte esiti permanenti, che poi, "unitamente alla condotta omissiva dei sanitari del Pertini che avevano in cura il ragazzo" hanno portato alla morte.
Il falso e la calunnia, invece, sono contestati allo stesso Tedesco e al maresciallo Roberto Mandolini (che comandava la stazione Appia dove nella notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009 venne fatto l'arresto) e, solo per il secondo reato, al carabiniere Vincenzo Nicolardi. Il reato di falso é legato al verbale di arresto in cui si "attestava falsamente" che Cucchi era stato identificato attraverso le impronte digitali e il fotosegnalamento: circostanza che per i magistrati non è vera ma che ha rappresentato la ragione del pestaggio di Cucchi, ritenuto "non collaborativo" a quel tipo di operazione.
Mandolini e Tedesco, poi, non avrebbero verbalizzato la resistenza opposta dal geometra nella stazione dei carabinieri dove venne portato per il fotosegnalamento, e avrebbero "attestato falsamente" che Cucchi non aveva voluto nominare un difensore di fiducia. La calunnia, invece, é legata alla varie testimonianze rese al processo svoltosi davanti alla terza Corte d'assise dove erano imputati tre agenti della polizia penitenziaria (Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici, parte civile nel processo che si dovrà aprire, assieme alla famiglia Cucchi), sempre assolti nei vari gradi di giudizio: Tedesco, Mandolini e Nicolardi, "affermando il falso in merito a quanto accaduto nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009" accusavano implicitamente i tre poliziotti, pur "sapendoli innocenti", delle botte inflitte al detenuto. Gli imputati, dal canto loro, si sono sempre dichiarati estranei alla ricostruzione dei fatti operata dagli inquirenti. I loro difensori hanno indicato nella lista dei testimoni da citare in aula quasi 200 nomi e sono pronti a tornare alla carica chiedendo una nuova perizia medico-legale dopo quella, disposta dal gip in sede di incidente probatorio, che escluse un nesso tra il violento pestaggio e il decesso di Cucchi.
Il geometra sarebbe morto improvvisamente di epilessia, ritenuta dagli esperti del giudice la causa "dotata di maggiore forza e attendibilita'" rispetto alle altre. Una conclusione che però il pm Francesco Musarò ha preferito ignorare non ritenendola attendibile dal punto di vista scientifico e alla luce degli elementi probatori acquisiti

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
processo cucchistefano cucchimortegeometracarabinieriudienzatestimonistefano simonettiimputati



Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

i più visti
i blog di affari
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.