A- A+
Roma
Professoressa transessuale licenziata. È guerra: “Farò causa alla scuola”
Foto da Change.org

Giovanna Vivinetto, professoressa transessuale 25enne dell'Istituto Paritario Kennedy di Roma, licenziata in tronco dalla scuola dopo soli 9 giorni di lezione senza il preavviso di quindici giorni previsto dal contratto, adducendo a questo gesto motivazioni confuse e nebulose.

 

“Insegnare è stata la mia più grande passione sin da quando ero piccola: questo sogno è stato spezzato qualche settimana fa, quando sono stata licenziata per discriminazione dalla scuola Kennedy di Roma”, spiega Giovanna Vivinetto in un video pubblicato su Facebook da Change.org, sito su cui ha lanciato una petizione indirizzata al ministro Fioramonti che ha già raccolto più di 13 mila firme.

La settimana prima del licenziamento, avvenuto il 14 ottobre scorso, la professoressa era stata costretta a prendere tre giorni di malattia a causa di un’acuta faringo-tonsillite che la ha costretta a letto per una settimana sotto cura antibiotica. Al rientro dalla malattia la donna si è vista recapitare dal preside la lettera di licenziamento. Secondo la preside, durante i giorni di malattia, molti ragazzi e alcuni genitori erano andati a lamentarsi in presidenza riguardo le capacità da docente della professoressa, chiedendone un cambio. Ma per la docente le motivazioni del licenziamento risiedevano altrove.

“Dopo il licenziamento – continua la Vivinetto nel video – sono rimasta sotto shock. Per qualche giorno mi sono sentita colpevole, incapace di insegnare, come se il problema fossi io. Ancora oggi, le persone transessuali e le minoranze sessuali subiscono delle discriminazioni molto forti: lotto per tutti coloro che non hanno la forza e il coraggio per esporsi. La transessualità è ancora oggi un tabù, ma insieme possiamo dimostrare che un docente transessuale può, anzi deve essere la normalità. Mi auguro che possiate unirvi a me. Siamo tutti uguali, siamo tutti persone, non ci sono differenze”.

Nel suo appello, pubblicato sulla piattaforma Change.org, la professoressa Vivinetto chiede all'Istituto Kennedy di prendere coscienza dell'errore commesso; alla comunità Lgbt e a tutte le reti che tutelano le minoranze in difficoltà di operare una capillare sensibilizzazione sulle discriminazioni di genere; ai sindacati di fare chiarezza sul suo caso per evitare che altri lavoratori siano sottoposti alle stesse discriminazioni; al Ministero dell'Istruzione di avviare un'ispezione su tutte quelle scuole che assumono docenti con contratti poco chiari, mettendo poi in atto “dinamiche oscure e spesso illegittime per licenziarli”.

Ora la professoressa Giovanna Vivinetto andrà per vie legali: “Non intendo rinunciare al mio sogno. Qualche giorno fa ho mandato alla scuola Kennedy una raccomandata in cui contesto le ragioni del mio licenziamento, che ritengo assolutamente improprio ed illegale. È il primo passo per fare causa alla scuola”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    transessualeprofessoressa licenziataprofessoressa transessualeprof transgiovanna vivinettoistituto kennedychange.org



    Roma: botteghe storiche, ora c'è la legge di tutela. Fondi per 2,4 mln

    Roma: botteghe storiche, ora c'è la legge di tutela. Fondi per 2,4 mln

    i più visti
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.