A- A+
Roma
Ragazzi pazzi per l'alcol. Ubriachi di continuo, ovunque e sempre più giovani

Ragazzi pazzi per l'alcol. I giovani bevono sempre di più, in ogni situazione e con un età media in continua diminuzione; oltre la metà degli adolescenti ha bevuto il primo bicchiere tra gli 11 i 14 anni.

 

È il risultato del rapporto sull’Alcolismo in Italia che l'Eurispes, in collaborazione con Enpam, ha dedicato ad un tema complesso e delicato inesplorato da 30 anni. Il fenomeno è stato analizzato attraverso tre diversi sondaggi, ciascuno dei quali disegna un quadro completo e dettagliato, dal quale emerge, in particolar modo, di quanto si sia diffuso e radicato il consumo di alcol tra i giovani e di come si è modificata l’immagine del consumatore di alcol.

Secondo lo studio, che ha coinvolto giovani studenti, adolescenti, cittadini e medici, oltre la metà dei ragazzi tra gli 11 e i 19 anni ha infatti bevuto il primo bicchiere tra gli 11 e i 14 anni (52,8%), e la maggioranza netta degli adolescenti tra gli 11 e i 19 anni beve alcolici: oltre la metà lo fa "qualche volta" (51,6%), mentre l'8,2% "spesso". In particolare, tra i 15-19enni la percentuale di chi beve "qualche volta" sale al 65% e solo 2 su 10 sono astemi.

La bevanda alcolica più consumata dai giovanissimi è la birra, seguono il vino, shottini e superalcolici. Il consumo è sempre più extracasalingo, indipendente dal pasto e legato a momenti di divertimento e allo "sballo": il 28,6% beve al pub, il 21,4% in discoteca, solo due su dieci bevono a tavola.

Il drink alcolico - osservano gli esperti - è considerato una sorta di "rito di passaggio sociale" che caratterizza la fine dell'infanzia. E il tradizionale divario tra i due sessi risulta oggi assai più contenuto rispetto al passato. Un terzo degli intervistati ha ammesso di aver giocato con gli amici a chi beve di più (33,1%) e una identica percentuale rivela di aver visto un amico o un conoscente riprendersi o farsi riprendere in video mentre beveva.
 

Ma nonostante la visione giovanile di drink come "rito di passaggio", l'alcol rimane le sostanza che miete più vittime in termini di dipendenza, rispetto a fumo, droghe sintetiche e cocaina: dal 2008 al 2017 in Italia sono stati 435mila i morti per malattie alcol-correlate, incidenti, omicidi esuicidi ad esso dovuti. Non solo. Oltre 6 italiani su 10 mettono l'alcol in relazione alla convivialità, al relax, al piacere e alla spensieratezza (63,4%); solo un quarto, al contrario, lo associa a concetti negativi, come la fuga dai problemi, la perdita di controllo e il pericolo (25,6%).

Commenti
    Tags:
    alcolubriachidipendenzamortifumodrogheadolescentigiovaniricercaeurispesroma




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Elezioni Roma, Calenda “ricatta” Zingaretti: “Sì alle Primarie ma senza M5S”

    Elezioni Roma, Calenda “ricatta” Zingaretti: “Sì alle Primarie ma senza M5S”

    i più visti
    i blog di affari
    Al Circolo del Ministero degli Affari Esteri il libro di Carlo Curti Gialdino
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Benotti: il Governo applica il coprifuoco dimenticandosi del territorio
    di Mario Benotti
    Mario Benotti Intervista Pietrangelo Buttafuoco

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.