A- A+
Roma
Raggi “salvinizzata”: vietato il rovistaggio, multe a prostitute e clienti

Pugno duro del Comune di Roma contro rovistaggio, alcol e prostituzione. Una Virginia Raggi "salvinizzata" lancia la rivoluzione sicurezza presentando il nuovo Regolamento di Polizia urbana.

 

Ignorato quindi l'appello delle associazioni sociali, cattoliche e laiche, della città, che invitavano a non sottovalutare il fenomeno del rovistaggio, diffuso non solo tra i poveri e gli emerginati, ma che coinvolge sempre più romani. Introdotto il divieto di rovistaggio e prelievo dei rifiuti, sia da cassonetti e cestini sia dai "siti di conferimento".

“Il rovistaggio contribuisce alla già critica situazione cittadina della gestione dei rifiuti e risponde alle segnalazioni di molti cittadini – ha risposto Marco Cardilli, Vice Capo di Gabinetto di Roma Capitale con delega alla sicurezza, a chi gli chiedeva il perché di questa scelta repressiva – Terremo conto delle eventuali osservazioni che ci potranno prevenire da queste realtà associative quando andremo a stabilire le sanzioni nella delibera di Giunta che la conterrà, senza dimenticare che noi stiamo già lavorando all’integrazione sociale su altri piani”.

Il Comune dichiara inoltre guerra anche alla prostituzione, promettendo multe a "sex workers" e rispettivi clienti. In un'ottica di decoro, il nuovo regolamente prevede infatti il divieto di "esibire nudità o assumere comportamenti diretti a offrire prestazioni sessuali", sieme a quelli di "ingaggiare o concordare prestazioni e di appartarsi in luogo pubblico con soggetti che esercitano l’attività di meretricio". In casi di estrema violazione del decoro, sarebbe prevista l’applicazione del Daspo e ulteriori sanzioni nei confronti dei clienti e per chi adotta comportamenti osceni, secondo quanto già previsto dal decreto Minniti.

Sono 14 le zone di Roma in cui si potrà applicare il daspo oltre alle altre sanzioni: dal centro storico a Ostia, dall'Eur a San Lorenzo e Prati. Al posto delle ordinanze anti-alcol che in genere venivano adottate nel periodo estivo (e che comunque potranno essere fatte sulla base delle esigenze), la stretta sul consumo per strada di alcolici entra nel regolamento. Stop al consumo in strada di bevande in vetro dalle 22 alle 7. Stop al consumo di alcol in strada dalle 23 alle 7. Mentre dalle 2 alle 7 vietata la somministrazione da chiunque ne sia autorizzato.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    virginia raggimatteo salvinisicurezzaromapoliziarovistaggioprostitute



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.