A- A+
Roma
Rapina alle poste, minaccia direttore e dipendenti con una pistola: arrestato

Armato di pistola minaccia direttore e dipendenti delle poste: rapinatore romano arrestato dai carabinieri nonostante la fuga tra i bambini che entravano a scuola. È caccia al complice del malvivente.

 

Martedì mattina, poco prima delle 8, un malvivente con volto travisato da occhiali da sole e sciarpa, armato di pistola, ha atteso, all’apertura, l’arrivo del direttore sull’ingresso secondario dell’ufficio postale di Grottaferrata e spintonandolo è entrato con lui all’interno. Una volta dentro ha tentato di farsi consegnare il denaro custodito nell’ATM e nella cassaforte, attendendo l’apertura a tempo. Nel frattempo sul posto sono arrivati i dipendenti ai quali intimava di proseguire nel loro impiego senza far trasparire nulla.

Giunto l’allarme al 112, sul posto sono arrivati i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Frascati che, dopo un breve inseguimento, con grande professionalità e senza mettere in pericolo nessuno (considerato l’orario di apertura delle scuole con un grande via vai di scolari accompagnati dai genitori), sono riusciti a bloccare il rapinatore, romano di 42 anni con precedenti, arrestandolo per rapina aggravata.

Recuperata la pistola, una Beretta semiautomatica con matricola abrasa, rubata nei giorni precedenti, e una moto abbandonata davanti all’ufficio postale, anch’essa rubata. Proseguono le indagini dei Carabinieri per risalire ad un altro uomo, probabilmente complice del rapinatore, che ha avuto la funzione di palo, rimanendo fuori.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rapinaposteufficio postaledirettorerapinatoredipendentipistolaarmatoarrestatocarabinierigrottaferrata



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Zaino sospeso: l'iniziativa continua


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.