A- A+
Roma
Rebibbia, detenuta uccide i figli. Il padre è in carcere in Germania

Detenuta uccide i figli gettandoli dalle scale. La tragedia di Rebibbia senza fine, il padre dei piccoli Divine e Faith si trova in carcere in Germania.

 

A rintracciare Ehis E, nigeriano, sono stati i Carabinieri e l'Interpol. Seguendo le indicazioni della Procura di Roma, l'uomo dovrà ora decidere se dare il via libera, o meno, per l'espianto delgi organi da Divine, il piccolo di 18 mesi per il quale i medici del Bambino Gesù hanno accertato la morte cerebrale. La figlia più piccola, Faith, di sei mesi, è morta sul colpo.

A Piazzale Clodio i magistrati hanno inoltrato al gip Antonella Minunni la richiesta di convalida dell'arresto della donna, atteso nei prossimi giorni l'interrogatorio di convalida.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rebibbiadetenutafigliomicidiocarceregermaniaroma



    Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

    Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

    i più visti
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.