A- A+
Roma
Rebibbia, due rom evadono dal carcere: superano il muro con un tubo dell'acqua

Rebibbia, due detenuti rom sono evasi dal carcere dopo aver superato il muro di cinta utilizzando un tubo dell'acqua. La beffa: la fuga dei carcerati sarebbe stata agevolata dal probabile malfunzionamento del sistema di anti-scavalcamento e dall'assenza di sentinelle della polizia penitenziaria a guardia del muto di cinta.

 

Davad Zukanovic, un 40enne di Olbia, e Lil Ahmetovic, un 46enne nato in Croazia, si sono calati eludendo così la vigilanza. Il primo era in carcere con l'accusa di furto, riciclaggio, lesioni e falso materiale; il 46enne era invece a Rebibbia per ricettazione, falso materiale, false dichiarazioni a pubblico ufficiale. La Polizia di Stato si è immediatamente messa sulle tracce dei due fuggitivi: osservati speciali sono i campi nomadi di via Salviati e via di Salone, oltre agli aeroporti di Ciampino e Fiumicino. L'evasione potrebbe essere avvenuta nella notte.

A dare notizia dell'evasione è stato Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe: “Due detenuti rumeni sono fuggiti dopo avere scavalcato il muro di cinta, usando una manichetta dell’acqua, favoriti dal probabile mancato funzionamento del sistema anti-scavalcamento e dal fatto che non ci sono le sentinelle della Polizia Penitenziaria sul muro di cinta. Un fatto grave, che è conseguenza di una sottovalutazione degli allarmi lanciati dal SAPPE negli ultimi giorni”.

“Questa evasione – continua Capece – è la conseguenza dello smantellamento delle politiche di sicurezza dei penitenziari e delle carenze di organico della Polizia Penitenziaria, che ha 7mila agenti in meno. Non più tardi dello scorso 28 maggio, il Sappe aveva indirizzato ai vertici dell’Amministrazione penitenziaria nazionale e del Lazio una dettagliata nota proprio sulle criticità della Casa di reclusione di Rebibbia”.

Nella nota, il Sappe denunciava la grave carenza di personale che continua ad affliggere la casa di reclusione romana: “Solo per dare una idea della rilevante mancanza di poliziotti, è bene ricordare come il Decreto ministeriale 2 ottobre 2017 abbia previsto, per la casa di reclusione di Roma, una dotazione organica di 196 agenti, a fronte di una presenza effettiva complessiva nei diversi ruoli di 150 unità (ovvero 46 poliziotti in meno con una carenza che supera il 25% del previsto). E ancora, sui 150 poliziotti ivi in servizio ben 81 unità hanno più di 50 anni (e quindi avrebbero diritto ad essere esonerati dai turni notturni e da servizi particolarmente gravosi), 37 sarebbero fruitori di permessi legge 104/92 e circa 10 unità saranno quelle che andranno in quiescenza durante l'anno in corso”.

Per il Sappe, riporta ancora la nota, “appare del tutto evidente come tale endemica carenza, si stia ripercuotendo negativamente sulla efficienza del servizio e soprattutto come stia pregiudicando fortemente l'ordine e la sicurezza dell'istituto. I colleghi, infatti, con non comune senso del dovere e per garantire lo svolgimento delle innumerevoli attività rieducative del penitenziario, sono costretti a turni di lavoro massacranti; ma ormai sono allo stremo delle forze. Per di più, l'istituto in parola ospita diverse tipologie di detenuti: diversi soggetti hanno problemi di natura psichiatrica e numerosi sono i cc.dd. collaboratori di giustizia che, evidentemente, richiedono una maggiore cautela e una più assidua sorveglianza. Pur comprendendo, le numerose e oggettive difficoltà del D.A.P. per quanto attiene alla generalizzata carenza di personale, non possiamo però esimerci dal rappresentare come quella rilevata alla casa di reclusione abbia raggiunto una soglia di totale intollerabilità”. Da qui, la richiesta sindacale ai vertici del DAP di assegnare “almeno 10 unità del ruolo Agenti-Assistenti” per le esigenze di ordine e sicurezza della Casa di reclusione. Richiesta non esaudita e che, alla luce di quanto avvenuto oggi con l’evasione dei due detenuti, avrà inevitabili conseguenze.

Loading...
Commenti
    Tags:
    rebibbiadetenuti evasievasione rebibbiaromcarcere rebibbiasappesindacato sappepolizia penitenziaria




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    i più visti
    i blog di affari
    Il dibattito presidenziale, semplicemente un brutto show
    Niram Ferretti
    Pompeo ha ragione: Vaticano non rinnovi intesa con Pechino su nomina vescovi
    Ernesto Vergani
    Reati, la giurisprudenza come la medicina: prevenirli è meglio che sanzionarli
    Di Valentina Eramo *

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.