A- A+
Roma
Referendum Atac, da Calenda a Giachetti: "sì" del Pd per affossare l'M5S

Altro che bivio processo per Virginia Raggi, il futuro della giunta M5S si decide l'11 novembre. Da Calenda a Giachetti, gli esponenti romani del Pd compatti verso il "sì" al referendum.

 

I democratici fanno "all in" e puntano tutto sul referendum promosso dai Radicali per affossare l'amministrazione grillina. Scuotere Atac per scuotere il Campidoglio. Questo in sintesi il pensiero, e le speranze, del Pd, che prova la "spallata" definitiva al sindaco Raggi, che ha strettamente legato la propria sorte a quella del risanamento della municipalizzata dei trasporti. Nasce così "I democratici votano sì", l'iniziativa che raccoglie parlamentari e amministratori Pd, da Marianna Madia a Walter Tocci, passando per Roberto Giachetti a Roberto Morassaut e Andrea Casu.  "L'Atac è il paradigma dei fallimenti della amministrazione M5s - ha spiegato Luciano Nobili, deputato dem- il quorum e il sì al referendum sarebbero come una sentenza politica di condanna per l'amministrazione, uno shock per l'azienda e la città".

"Ci vuole una leva per 'alzare' la situazione di Roma, che non può andare avanti così, e questo può essere il referendum - ha fatto eco Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo Economico - È l'unica strada, dopo che leabbiamo provate tutte". Calenda ha poi sottolineando: "Va data una spallata, è questa può essere quella giusta perchè non è distruttiva ma costruttiva. Lo dobbiamo fare senza targare questa iniziativa ma dando un contributo forte".

Per Zanda, il referendum cade in un momento strategico: "Qualcosa si muove nella società, mi hanno colpito le manifestazioni di piazza del Popolo, quella del Campidoglio, quella di Milano. Sabato sarà la volta di Torino. È il momento giusto, la città di Roma può rispondere, contribuire a dare una scossa positiva per il Paese. Se ci sarà, molte cose potranno cambiare".

Riccardo Magi, promotore del referendum, ha invece parlato del referendum come di una "consultazione estremamente scomoda che non ha avuto alcun contributo dalle istituzioni". Il deputato radicale ha poi raccontato l'ultimo episodio "grave e inopportuno", che ha colpito il comitato promotore: "Chiederemo conto alla Raggi del fatto che, su chiamata diretta del comune, gran parte degli scrutatori siano i dipendenti dell'Atac".
 

Commenti
    Tags:
    atacreferendumvotoquorumm5sraggicampidogliocalendagiachettimagiradicali11 novembreroma




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, la grande abbuffata della Raggi. Anche all'Atac il premio Covid

    Coronavirus, la grande abbuffata della Raggi. Anche all'Atac il premio Covid

    i più visti
    i blog di affari
    Proroga rottamazione: soddisfazione di Camera Civile Salentina
    Papa Francesco e il vangelo secondo Soros: attacca i ceti medi, non i padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Alfio Bardolla: sarà online il suo Wake Up Call del 12-13-14 febbraio 2021
    Redazione Trendiest News

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.