A- A+
Roma
Restauro Colosseo: il Codacons: “Indagate Giro per favoreggiamento”

Dopo i gravissimi rilievi della Corte dei Conti sui lavori di restauro del Colosseo, che profilano una serie di storture e di abnormi sproporzioni sul profilo economico e dei diritti di immagine del monumento a pieno vantaggio di Tod’s, il Codacons chiede il sequestro urgente del contratto di sponsorizzazione e annuncia un nuovo esposto in Procura.

"Chiediamo alla Procura della Repubblica di Roma di acquisire il parere della Corte dei Conti che solleva dubbi pesantissimi sul restauro, e valutare se procedere per la fattispecie di turbativa d’asta nei confronti dei funzionari del Ministero dei Beni culturali e della Sovrintendenza che firmarono il contratto con Della Valle – spiega l’associazione – Lo stesso contratto di sponsorizzazione deve essere posto sotto sequestro, in attesa di capire se il misterioso passaggio da 2 ad oltre 15 anni dell’uso esclusivo dell’immagine del Colosseo sia lecito o meno, e se tale durata enormemente allungata profili danni erariali e per la collettività".

Nell’esposto inoltre il Codacons chiede alla Procura di valutare l’eventuale sussistenza del reato di “favoreggiamento” in capo al senatore di Fi ed ex sottosegretario del Mibac, Francesco Giro, che più volte è intervenuto in difesa di Tod’s e negli ultimi giorni anche contro il parere della Corte dei Conti.
Infine il Codacons chiamerà i magistrati della Corte dei Conti a testimoniare nell’ambito della causa risarcitoria da 36 milioni di euro intentata da Diego Della Valle contro i consumatori dell’associazione, citazione avviata per aver il Codacons sostenuto esattamente quanto scritto dai magistrati contabili.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
restauro colosseofrancesco girotod'sdella vallerienzicorte dei conti



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.