A- A+
Roma
Riceve un cuore malato: morto al San Camillo a 48 ore dal trapianto

La vittima aveva 61 anni e aspettava da tempo che dall'ospedale lo chiamassero per avvisarlo che c'era la disponibilità di un trapianto di cuore. Dopo l'operazione, la tragedia: il degente è morto a 48 ore dall'operazione chirurgica al San Camillo di Roma. I medici: "Sono state dette falsità, l'organo impiantato era sano".

 

Il cuore arrivava da Milano e secondo la relazione del medico legale apparteneva a un cardiopatico. I medici del San Camillo non sono riusciti a fare nulla per salvare il paziente dopo l'arresto cardiaco, ma intervenendo con una conferenza stampa hanno sottolineato che non ci sono state irregolarità: "Il cuore del donatore era perfetto". Secondo i dottori dell'ospedale romano, il decesso sarebbe avvenuto a causa delle complicanze che possono seguire il trapianto. L'uomo che ha subito l'intervento, inoltre, era un "paziente critico" essendo affetto da diabete ed essendo stato ricoverato più volte per scompensi cardiaci gravi.

"Era un organo perfettamente sano, rispondente a tutti i parametri per un trapianto" ha dichiarato Francesco Musumeci, responsabile trapianti e responsabile della Cardiochirurgia del San Camillo.

La procura capitolina, però, non è d'accordo con quanto sostenuto dai medici romani. Gli esiti della consulenza del medico legale hanno infatti riportato una mancanza di idoneità del cuore ad essere trapiantato in un paziente di oltre 60 anni. L'ipotesi sostenuta dagli inquirenti romani è che il decesso dell'uomo possa essere dovuto a un errore dell'equipe medica milanese che aveva ritenuto l'organo compatibile con il paziente in lista di attesa. Il fascicolo è stato trasmesso da alcune settimane alla Procura di Milano.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin era intervenuta nella mattina a Radio Capital commentando la vicenda: “È gravissimo per un sistema d'avanguardia come il nostro. Facciamo trapianti in tutto il mondo, siamo leader. Attiveremo le procedure. È tragico e inaccettabile, agiremo di conseguenza", ha dichiarato.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
trapiantocuoresan camillomortocardiopaticomalatoromamilanooperazionebeatrice lorenzinmediciindagine



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.