A- A+
Roma
Rifiuti, ex ad Ama Fiscon a giudizio per l'appalto sui cassonetti gialli

Giovanni Fiscon, ex amministratore delegato di Ama, e Marco Casonato, ex dirigente della municipalizzata dei rifiuti, sono stati rinviati a giudizio nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma sull'appalto legato alla gestione dei cassonetti gialli per la raccolta degli indumenti usati. Abuso d'ufficio e turbativa d'asta i reati contestati.

 

Il processo, che si aprirà il 17 luglio prossimo davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale, chiama in causa anche gli allora vertici di due consorzi di impresa, Bastiani e il Sol.co, quest'ultimo rappresentato da Mario Monge, già condannato in primo grado per tentata turbativa d'asta a un anno e 4 mesi di reclusione in uno dei tanti procedimenti stralci legati a 'Mafia Capitale', cioè quello relativo all'appalto regionale per il Cup per il quale è stato assolto Maurizio Venafro, già braccio destro del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Commenti
    Tags:
    rifiutiamagiovanni fisconadamministratore delegatoappaltocassonetti giallicaos amaroma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.