A- A+
Roma
Rifiuti, “maledetto Cerroni”, ma i suoi impianti sono essenziali per Roma

di Donato Robilotta

 

Ancora una volta l’avvocato Manlio Cerroni subisce una vera e propria gogna mediatica, come se la responsabilità dell’emergenza rifiuti fosse sua e non  di quelle istituzioni locali che in questi ultimi anni non hanno fatto niente per evitarla o fatto solo danni.

 


Lo attaccano a testa bassa ma qualcosa di buono avrà fatto se i suoi impianti di Malagrotta servono, altrimenti i rifiuti resterebbero per strada e la situazione sarebbe ben peggio di quella odierna. Chi si occupa di rifiuti sa bene che la fragilità del sistema Roma è dovuta ad una carenza impiantistica, l’altro ieri l’ha dichiarato per ultimo il presidente della commissione parlamentare ecomafie, l’onorevole Alessandro Bratti,  e che fu un grave errore chiudere la discarica di Malagrotta senza aver trovato un’alternativa.
A Roma serve il termovalorizzatore, e questo lo dice non solo il piano regionale dei rifiuti ma soprattutto il recente decreto sblocca impianti del Governo, anche perché oggi tutto il cdr prodotto dagli impianti tmb, circa 600 mila tonnellate all’anno, viene portato all’Estero.

A Malagrotta è stasa costruita una linea del gassificatore, in attesa di autorizzazione per entrare in uso, ma il Presidente della Regione e la Sindaca di Roma Capitale all’unisono si oppongono al provvedimento del governo ma non offrono soluzioni alternative.
E’ complicata anche la situazione degli impianti di Tmb, perché quelli di Ama hanno una serie di problematiche, tanto che la giunta capitolina ha annunciato di voler chiudere quello di via Salaria e di mandare in esaurimento quello di Rocca Cencia. Ma già oggi i quattro impianti, anche utilizzati al massimo della potenza autorizzata, sono insufficienti a  smaltire le 3.600 tonnellate al giorno di rifiuti prodotte così che oltre 600 tonnellate al giorno vengono portate in altre Regioni e in giro per il mondo.
Ma gli impianti di Tmb producono anche scarti e fos che devono essere portati all’Estero perché Roma non ha una sua discarica di servizio.

Il progetto del Comune si Roma è da fanta amministrazione
Anche la recente decisione della giunta capitolina di voler costruire impianti di compostaggio, senza dire dove e quando, per circa 120 mila tonnellate all’anno di frazione organica è insufficiente, perché già oggi Roma con il 38,8% di raccolta differenziata produce circa 200 mila tonnellate all’anno di umido,  che aumenta in maniera esponenziale con l’aumento della raccolta differenziata.
Quanto all’obiettivo di portare proprio la raccolta differenziata al 70% nel 2021 appare velleitario, visto il dato di partenza, senza stanziare risorse adeguate.
Dell’impiantistica necessaria nel piano della giunta comunale non c’è niente, né si riesce a capire che fine ha fatto il piano regionale dei rifiuti, annunciato da mesi dal Presidente della Regione, che avrebbe dovuto contenere soluzioni alternative, credibili e fattibili, a quelle del decreto sblocca impianti del Governo.

Tags:
rifiutimanlio cerronicolarimalagrottatermovalorizzatorerobilotta
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Nuovi picchi virus, rifiuti e campi rom: Roma in piena emergenza sanitaria

Nuovi picchi virus, rifiuti e campi rom: Roma in piena emergenza sanitaria

i più visti
i blog di affari
RASSEGNAZIONE O AZIONE ?????
TWAS, SISSA e Lincei fanno sistema con il sostegno del MAECI
di Mariella Colonna
Riapre la discoteca del Just Cavalli Milano, meeting point deluxe
Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.