A- A+
Roma
Rifiuti, un commissario salverà Raggi e Zingaretti. E farà una discarica

di Donato Robilotta

L’Ama non trova pace e le ennesime dimissioni del vertice della municipalizzata del Campidoglio sono la spia più allarmante della gravità della situazione dei rifiuti che non può più essere sottovalutata da Regione e Comune di Roma.

Gli ex vertici dell’Ama hanno fatto capire chiaramente che le dimissioni avvengono sulle non scelte della Sindaca che pensa di far sparire i rifiuti con la bacchetta magica mentre servono impianti di smaltimento. Quegli impianti fuori Regione dove vanno a finire i rifiuti dei romani con grave aggravio dei costi sulla bolletta, tanto che a Roma c’è la Tari più alta d’Italia, e aumento dell’inquinamento con centinaia di tir che ogni giorno portano fuori migliaia di tonnellate di rifiuti

La situazione non è più gestibile, urge la nomina di un commissario per i rifiuti perché sia la Sindaca di Roma che il Presidente della Regione non sono in grado di prendere la decisione di autorizzare e costruire gli impianti di smaltimento. Roma produce circa 1 milione e 700 mila tonnellate all’anno di rifiuti, con la raccolta differenziata al 45% si ha una produzione di organico di circa 400 mila tonnellate all’anno, a fronte di un solo impianto dell’umido da circa 30 mila t/a, per cui tutto l’organico prodotto viene portato nel Veneto e in Friuli.

Dati che smentiscono il mantra sulla raccolta differenziata che, come dice la parola, differenzia ma non fa sparire i rifiuti, e se l’aumenti devi costruire gli impianti altrimenti, come è successo in questi anni, aumenti i costi ed aggravi l’emergenza.

A Roma si producono circa 3.400 tonnellate al giorno di indifferenziato a fronte di tre impianti di Tmb (due privati a Malagrotta e 1 di Ama a Rocca Cencia) che arrivano al massimo a poter lavorare circa 2.200 tonnellate al giorno. Residuano quindi circa 1.200 tonnellate al giorno di tal quale che devono essere portate in impianti fuori Roma o in altre Regioni o all’Estero. Con l’assurdo, come con l’accordo con la Regione Marche, che una volta trattati vengono riportati nel Lazio per finire a Colleferro, in quella che oggi è diventata la discarica di Roma.

L’economia circolare non è quella di far circolare i rifiuti. Il Lazio produce circa 3 milioni di tonnellate all’anno di rifiuti ed ha la necessità di valorizzare oltre 800 mila tonnellate all’anno di cdr/css a fronte di una capacità di lavorazione massima di circa 350 mila tonnellate, offerta dall’impianto Acea di S. Vittore. C’è un deficit di termovalorizzazione di circa 450 mila tonnellate all’anno di cdr/css, per cui servono termovalorizzatori di cui uno a Roma.

Ricordo sommessamente che il decreto sblocca impianti del Governo Renzi, Dpcm 10 Agosto 2016 ancora in vigore, prevedeva quattro impianti di termovalorizzazione. Ad oggi nel Lazio c’è solo quello di S. Vittore di Acea, perche quello di Colleffero, di Lazio ambiente – società regionale, è stato chiuso da Zingaretti per lisciare il pelo alla protesta locale, il gassificatore di Malagrotta, che potrebbe aprire con una rapida riconversione per produrre metanolo non viene preso in considerazione solo perché appartiene a Cerroni, e il quarto, che doveva essere quello di Albano, non è mai stato costruito.

Drammatica anche la situazione delle discariche, perché dopo la chiusura di quelle di Malagrotta, Cupinoro e Guidonia, quelle che restano sono di piccole dimensioni, tranne quella di Colleferro che ha quasi 1 milioni di metri cubi, e non bastano a soddisfare le esigenze del Lazio, quantificate dalla Regione in circa 10 milioni di mc da qui al 2026. Oltre agli impianti per l’umido, al Tmb e al Termovalorizzatore serve anche una discarica di servizio.

Oggi risulta evidente che l’ex Sindaco Ignazio Marino e i vertici dell’Ama commisero un grave errore nel chiudere Malagrotta, con la complicità della Regione, senza aver trovato un’alternativa e senza avere costruito gli impianti necessari per chiudere il ciclo.

Chi si occupa di rifiuti sa cosa si deve fare, costruire gli impianti per lo smaltimento, lo avevano chiaro anche i vertici dimissionari di Ama, ma gli attuali vertici istituzionali locali per demagogia non sono in grado di prendere questa decisione. Urge quindi la nomina di un commissario prima che l’emergenza rifiuti, diventata ormai strutturale, si trasformi in emergenza sanitaria.

Rifiuti Roma, allarme dell'Ordine medici: “Soluzione o emergenza sanitaria”

 

Commenti
    Tags:
    rifiutiraggizingarettiemergenza rifiutiroma rifiutiamacommissario rifiutidonato robilottaaceadiscarica romatermovalorizzatoretmbtratamento rifiuti
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, mascherine e tutela ambiente: alla Regione Lazio si apre la crisi

    Coronavirus, mascherine e tutela ambiente: alla Regione Lazio si apre la crisi

    i più visti
    i blog di affari
    Il Magnesio è amico dell'umore e potrebbe aiutarci. Ecco come usarlo e perché.
    Anna Capuano
    Come attivare il servizio di consegna a domicilio dei medicinali
    Anna Capuano
    Ascolti Tv, Mediaset strizza l’occhio alla coppia Cucuzza-Volpe per il daytime
    Di Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.