A- A+
Roma
Rinviato a giudizio Giandavide De Pau, il serial killer delle prostitute
Giandavide De Pau

Giandavide De Pau, è stato rinviato a giudizio per l'omicidio delle tre donne uccise il 17 novembre scorso nel quartiere Prati quando accoltellò a morte due donne cinesi nell'appartamento al primo piano di via Riboty, nei pressi di piazzale Clodio, e la sessantacinquenne colombiana Marta Castano Torres, uccisa nel seminterrato di via Durazzo, nelle vicinanze di piazza Strozzi.

Il Giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Roma ha fissato la prima udienza del processo, davanti a una corte d'assise, per il 22 febbraio all'aula bunker di Rebibbia.

Braccio destro del boss

De Pau, noto alle cronache per esser stato storicamente il braccio destro del boss Michele Senese, comparve anche nell'inchiesta e nel processo Mondo di Mezzo quando, con Senese, incontrò al Fleming Massimo Carminati. De Pau, però, da mesi era stato abbandonato del boss che lo riteneva poco attendibile: i suoi problemi di dipendenza dalla cocaina lo avevano relegato a ruoli marginali.

Serial killer 

In una sola notte si guadagnò l'appellativo di serial killer visto che uccise ben tre prostitute. Fu incastrato per la denuncia della sorella che ne aveva la gestione. 

Iscriviti alla newsletter






Barbiere abusivo con vista sul Colosseo: il blitz e la supermulta dei Vigili

Barbiere abusivo con vista sul Colosseo: il blitz e la supermulta dei Vigili


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.