A- A+
Roma
Rivoluzione urbana M5S, il bluff: niente opere pubbliche e favori ai privati

di Andrea Catarci *

Siamo alle solite. Nella Roma del 2020 le trasformazioni urbane continuano ad attuarsi con il medesimo esito: garanzia degli interessi privati, noncuranza per quelli della collettività.

 

A via Laurentina apre il Maximo Shopping Center

A fine ottobre, nel post-covid caratterizzato da crisi economico-sociale galoppante e dalle tante incertezze sul futuro per i rischi di nuovi lockdown, apre i battenti un nuovo centro commerciale, il Maximo Shopping Center di via Laurentina, a circa un chilometro dal Grande Raccordo Anulare e nelle immediate vicinanze dei quartieri EUR e Fonte Ostiense. Si tratta di un progetto legato a un Piano di Recupero Urbano del 2006 e ad una Convenzione urbanistica del 2008, con numeri ragguardevoli: 170 negozi, 30 ristoranti, un ipermercato e un cinema multisala su complessivi 60.000 metri quadri di superficie.

Le opere pubbliche dovute non ci sono

Se le porzioni private dell’accordo sono in conclusione e pronte ad accogliere il pubblico, lo stesso non si può dire per le opere pubbliche connesse all’intervento, quelle che la normativa definisce “a scomputo”.

Il ponte pedonale che doveva arrivare a via Celine è rimasto solo nel piano originario e non è entrato in Convenzione: essendo sparito dai propositi fin dal 2008, non si farà.

I locali per Roma Capitale previsti a spese degli imprenditori, che presumibilmente avrebbero dovuto ospitare la sede del Municipio Roma IX, non sono stati realizzati: i lavori sono fermi e sembra si stia procedendo all’elaborazione di un nuovo progetto esecutivo, con tempi che sono dunque ancora incerti.

La piazza che avrebbe dovuto ospitare eventi culturali e ricreativi su 15.000 metri quadri e che nelle dichiarazioni avrebbe dovuto diventare “il fulcro della vita urbana e il tessuto di connessione con il quartiere”, è stata realizzata solo in parte ed è in attesa di collaudo: comunque, anche con il probabile esito positivo, essa non avrà le dimensioni stabilite nella Convenzione.

Delle alberature impiantate, infine, alcune non sono sopravvissute ai primi mesi di vita: poiché ne era prevista la cura e la manutenzione da parte della proprietà dovranno essere sostituite, cosa ancora non avvenuta.

Il Consiglio di quartiere Laurentino - Fonte Ostiense ha denunciato il tutto a più riprese, varie forze d’opposizione in Assemblea capitolina hanno sollevato la questione con interrogazioni, per ora però niente di niente. Nessuna delle questioni citate sembra sufficientemente rilevante, tanto che l’apertura è programmata e a la data è talmente ravvicinata da rendere difficile che emergano novità rilevanti rispetto al presente. Allora, aldilà della valutazione su quanto fosse equo lo scambio originario tra pubblico e privato – che è un altro discorso che sarebbe interessante approfondire -, viene da girare la prospettiva e da chiedere alla giunta Raggi: cosa ha ottenuto a oggi e cosa otterrà la città nel prossimo futuro in termini di interventi destinati a mitigare l’impatto della nuova realtà commerciale sul quadrante interessato?

E’ necessario tutelare la collettività: prima vengano fatte le opere pubbliche dovute e poi si autorizzino le aperture delle attività private

In questa sede si è scelto di tralasciare le considerazioni generali su quanto sarebbe necessario porre un freno alla proliferazione di centri commerciali in un contesto urbano che ne ha già parecchi - nonché su quanto sarebbe utile rendere sufficientemente misti i progetti esistenti che non lo sono, prevedendo accanto al commercio anche spazi dedicati alla cultura, a funzioni extra mercantili con impatto sociale, a piazze, strade e luoghi pubblici -, per concentrare l’attenzione sulla frequente elusione degli impegni privati riportati nelle convenzioni urbanistiche. A tal proposito si ricordi il caso recente ed eclatante del Piano di Riassetto di Piazza dei Navigatori, dove le opere pubbliche dovute non si sono viste e malgrado ciò la giunta Raggi ha proceduto a rinnovare una convenzione scaduta, per ottenere in cambio un ristoro economico risibile se rapportato al valore delle stesse opere. Si è trattato di una lesione degli interessi collettivi, cosa che sembra ripetersi. Anche in questo caso non può bastare il ritornello sull’importanza dei prestigiosi marchi ospitati nel centro e sulle ricadute positive in termini di nuova occupazione, perché si sta nel campo degli investimenti economici e non in quello della filantropia. Gli obblighi assunti devono essere rispettati e, visti i tanti casi in cui non succede, diventa fondamentale, urgente e di buonsenso subordinare alla realizzazione delle opere a scomputo la conclusione degli iter autorizzativi. In poche parole, prima si dà alla collettività quanto si è concordato e solo dopo si apre l’attività privata. Senza deroghe.

La Sindaca Raggi e il M5s avevano promesso di cambiare tutto e invece sono riusciti nella difficile impresa di peggiorare un quadro già critico, sul piano urbanistico e sul resto: invertire la china e in fretta, con provvedimenti concreti, è una delle prime sfide che lo schieramento democratico deve impegnarsi a tradurre in realtà nel governo di Roma.

* Andrea Catarci, coordinatore del Comitato scientifico di Liberare Roma

Loading...
Commenti
    Tags:
    andrea catarciliberare romam5s romaopere pubblichem5smaximomaximo romamaximo shopping centerprivatiraggivirginia raggicomune roma




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma: Virginia Raggi si fa la tv personale. Dirette web, spesi 50 mila euro

    Roma: Virginia Raggi si fa la tv personale. Dirette web, spesi 50 mila euro

    i più visti
    i blog di affari
    Kampos è partner ufficiale di Consorzio Costa Smeralda. “Lusso e Integrità"
    Partite IVA insieme per il rinvio della rottamazione
    Robbie Williams in esclusiva mondiale su RTL102.5, ecco come seguirlo
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.