A- A+
Roma
Roberta Lombardi assessore: primo atto, siluro a Zingaretti e Raggi su Acea

Roberta Lombardi assessore M5S nella giunta Pd di Zingaretti, il primo atto di peso è un siluro nei confronti del Pd, del presidente stesso e dell'amica di un tempo Virginia Raggi. E l'attacco mascherato arriva nella giornata mondiale dell'Acqua.

Le attenzioni della Lombardi sono su Acea, pompa di soldi per il Comune di Roma, la cui gestione delle risorse idriche normata dagli Ambiti territoriali omogenei (gli Ato) è al centro del mirino, partendo da due presupposti: l'acqua è un bene comune e “non è ammissibile che ad oggi il risultato del referendum del 2011 rimanga ancora disatteso, anche nella nostra regione. Per questo m’impegno a riprendere il dossier sull’acqua pubblica, con tutti i relativi provvedimenti il cui iter sembrerebbe arenatosi in questi anni, e a portarlo al tavolo della Giunta affinché si possa uscire finalmente da questa fase di stallo e vedere applicata la volontà popolare espressa dall’esito referendario”.

Dunque, “l'assessoressa” alla Transizione Ecologica della Regione Lazio, Roberta Lombardi, dimenticando che per 4 anni è stata consigliera regionale di maggioranza, è pronta a portare in Giunta una delibera per “avviare nella nostra regione la nuova governance del servizio idrico integrato per una gestione ecosostenibile della risorsa e a garanzia del diritto universale all’acqua. Più nello specifico, con questa legge, la Regione avrebbe dovuto superare la vecchia ripartizione degli Ambiti Territoriali Ottimali su base provinciale, tuttora adottata, per passare, entro sei mesi dall’entrata in vigore del testo, a una nuova gestione del servizio idrico integrato basata sugli Ambiti di bacino idrografici, nel rispetto cioè della conformazione del territorio e dell’effettiva dotazione e qualità delle risorse idriche. Una nuova organizzazione volta a garantire, attraverso la cooperazione tra le rispettive Autorità d’ambito, un approvvigionamento equo per le comunità locali  e le economie, prevalentemente agricole, del posto”.

Tradotto: una dichiarazione di guerra contro Acea, il Comune e la stessa Regione che, nel caso del lago di Bracciano, oppure per la captazione delle acque del Reatino, ha sempre agevolato le forniture di acqua per la “grande sete di Roma”, ricavando utili per gli azionisti e per lo stesso Comune di Roma.

Dunque, l'acqua come bene comune e non più come risorsa per arricchire le quotate in Borsa. Più che transizione ecologica, si potrebbe parlare di rivoluzione economica. Vediamo come reagirà la Borsa col titolo dell'Acea.

Commenti
    Tags:
    roberta lombardim5spdzingarettiaceacomune romacomune roma socio aceaacqua bene comuneacqua romabraccianmo ìrieti


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    L'asse Dibba-Casaleggio spaventa il nuovo M5s di Conte
    Porte blindate: il rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia
    Redazione
    The Smart side of the Work – Rischi e opportunità del lavoro Agile

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.