A- A+
Roma
Rogo Eco X, dopo il maxi-incendio e gli allarmismi, i rifiuti sono ancora là

Allarme amianto, livelli di diossina 700 volte superiori ai limiti consentiti, divieto di raccolta di ortaggi per 5 chilometri nell'area. L'incendio del maggio scorso all'impianto di smaltimento rifiuti Eco X di Pomezia aveva fatto scalpore per i dati rilevati e diffusi da Arpa Lazio. A 5 mesi di distanza, però, i rifiuti bruciati non sono ancora stati rimossi.

 

A lanciare un appello alla Regione Lazio perché intervenga repentinamente è il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale alla Pisana, Giancarlo Righini, che punta il dito contro il governatore: “Zingaretti anche in questo caso è rimasto a guardare”, scrive in una nota. “Ci sono volute più audizioni in commissione Ambiente – sottolinea Righini – per fare chiarezza sul fatto che la nube tossica che si era sviluppata a causa di quel rogo non aveva provocato danni consistenti. Resta però stupefacente il fatto che la Giunta regionale non abbia fatto nulla per rimuovere o sollecitare la rimozione di rifiuti comunque tossici che ancora insistono su quell’area”.


Mentre i Vigili del Fuoco erano al lavoro per spegnere le fiamme alla Eco X, Asl, Arpa Lazio e il sindaco Fabio Fucci avevano lavorato in concerto per stabilire l'entità del danno ambientale e prevenire gravi conseguenze sulla cittadinanza. Nelle prime ore era stata rilevata una presenza record di “diossine” e “furani” nelle immediate vicinanze del rogo con una percentuale di concentrazione di 77,5 picogrammi per metro cubo, a fronte del limite di 0,1 picogrammi per metro cubo indicato dall'Oms: oltre 700 volte la soglia di rischio per la salute. Lo stabilimento, andato a fuoco il 5 maggio, aveva poi ripreso a bruciare il 22 dello stesso mese, generando un secondo allarme.

 

 


Il Pd aveva addirittura organizzato una manifestazione a colpi di mascherine protettive contro il sindaco di Roma Virginia Raggi e quello di Pomezia Fabio Fucci per chiedere trasparenza e collaborazione coi comuni delle aree limitrofe al rogo.
Una volta raffreddato l'interesse pubblico per la questione rogo e le ceneri allo stabilimento, però, anche le istituzioni sembrano aver abbandonato la questione, come denuncia Righini.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eco xincendiopomeziarogorifiutirimozionefabio fuccivirginia ragginicola zingarettiregione lazioarpa lazioallarmenube tossicagiancarlo righini



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.