A- A+
Roma
Roma anno 1968: romanticismo in musica in "Carta Straccia" con Pino Strabioli

I protagonisti sono Teresa ed Agostino, due fratelli proprietari di un laboratorio di carta artigianale e molto lontani dagli accadimenti rivoluzionari del 1968 che stanno per cambiare il volto del mondo. I due saranno sorpresi dal giovane Remo, un nipote inaspettato il cui arrivo nasconde un personale segreto.

 

All'OFF/OFF Theatre di via Giulia, da mercoledì 28 novembre a domenica 9 dicembre, va in scena in prima nazionale lo spettacolo “Carta Straccia”, scritto da Mario Gelardi e prodotto da Alt Academy, con Pino Strabioli, Sabrina Knaflitz e Barnaba Bonafaccia.

Siamo nel 1968 e Roma vibra a tempo di musica, cinema, moda e proteste studentesche. Le donne chiedono a gran voce un radicale cambiamento, Patty Pravo è la regina del “Piper” e contemporaneamente è l'inizio di una rivoluzione che stravolgerà il volto della storia. In un piccolo laboratorio di carta artigianale lavorano Teresa e Agostino, due fratelli che sono costretti, a malincuore, a convivere. Il loro mondo è lì, tra quelle quattro mura, a riparo da quella rivoluzione che sembra così distante dalla loro vita che scorre tranquilla. Talmente tranquilla che anche la loro attività ormai sembra un ricordo del passato, tanto da convincerli a chiudere bottega e ritornare al paese natio, dove il padre aveva lasciato loro una casa in eredità. Qui inizia “Carta Straccia”, dall’ultimo giorno di apertura del loro piccolo laboratorio di carta artigianale.

La svolta si presenta sotto le sembianze di Remo, nipote mai conosciuto, figlio di una sorellastra quasi dimenticata. Remo sembra il personaggio di un romanzo di Palazzeschi, Remo è come il ’68: una vera rivoluzione per le vite dei due fratelli. Agostino e Teresa decidono di non lasciare più Roma e di accogliere quel nipote gioioso e solare che, col passare dei giorni, sembra quasi dominare le loro vite. Tra gelosie e ripicche, i due fratelli iniziano a rendersi conto che quel bellissimo ragazzo nascondeva in realtà un segreto, un segreto che invano cercano di scoprire.

Dopo la fortunata collaborazione de “L’abito da Sposa”, Pino Strabioli e Mario Gelardi tornano a lavorare insieme per raccontare una piccola fetta d’Italia attraverso il teatro.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    roma1968pino strabioliteatrorappresentazioneromanticismo



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
    Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.