A- A+
Roma
Roma, coltelli, spray e mazze da baseball: fermati 4 “giustizieri della notte”

Avevano creato un istituto di vigilanza privata per monitorare i consorzi residenziali sul litorale, ma senza autorizzazione né porto d'armi.

 

Si spostavano armati di pistole ad aria compressa, coltelli a scatto, spray paralizzanti, mazze da baseball e sfollagente e avevano addirittura un'uniforme da vigilantes. Tutto senza permessi di alcun genere. I 4, tre cittadini romeni e un indiano, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria, alla quale dovranno rispondere anche in merito al possesso delle armi.

La società di Ardea che li aveva assunti, rigorosamente in nero, è riconducibile a un quarto cittadino romeno, anch'esso denunciato.

I vigilantes, armati ed equipaggiati di tutto punto, svolgevano l’attività notturna con tanto di autovetture riportanti loghi e scritte della società di “sicurezza” per la quale erano impiegati. Una società che non aveva mai ottenuto, né tantomeno richiesto, le previste autorizzazioni dall’Autorità preposta.

L’attività di vigilanza privata a beni di terzi, infatti, proprio per la particolarità e la delicatezza dell’argomento, è soggetta ad una serie di controlli, anche preventivi, sia sulle società che sugli operatori del settore, finalizzati principalmente alla tutele della pubblica sicurezza.

In questo caso, nessuno degli operatori era stato nominato guardia particolare giurata e svolgeva la propria attività lavorativa senza essere stato assunto dal titolare. In questo modo l’imprenditore era in grado di offrire il servizio a prezzi al di sotto di quelli di mercato, facendo concorrenza alle aziende regolari del settore.

Sono in corso accertamenti volti ad evidenziare eventuali collusioni con i presidenti dei consorzi vigilati, i quali dovranno dimostrare la loro buona fede nell’aver affidato il delicato incarico a società che non erano in grado di provare la loro competenza e titolarità.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
romavigilanzavigilantessicurezzaardeaarmiporto d'armicoltellispray



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Parte dal Webinar la difesa dei contribuenti
SERVONO EUROPROGETTISTI, BANDI NEL DIGITALE E PER PROGETTI ECOSOSTENIBILI
Boschiero Cinzia
Green Pass, le manifestazioni pacifiche possono far cedere il regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.