A- A+
Roma
Roma, confessionale con sorpresa: il “pacco-bomba” contiene 36mila euro

Sorpresa da capogiro per il parroco di Santa Maria delle Fornaci, che ha trovato nel confessionale della sua chiesa 36mila euro in contanti.

 

Il denaro, diviso in due buste contenenti mazzette in pezzi da 50 euro, non era certo una donazione per la parrocchia e la somma è stata sequestrata dai Carabinieri della Stazione San Pietro intervenuti sul posto.

Padre Giovanni Martire Savina ha allertato le forze dell'ordine appena ha notato le buste sospette all'interno del confessionale. È stata la squadra diretta dal capitano Francesco Soricelli ad aprire i due pacchi, con le cautele imposte dal caso.

La chiamata è arrivata intorno alle 18-18.30 della sera di mercoledì, ma fin da subito i Carabinieri hanno escluso l'ipotesi del pacco bomba.

Né il parroco né i militari potevano sospettare però che il plico misterioso potesse avere un contenuto simile. Ora i Carabinieri della Stazione di Roma San Pietro sono al lavoro per visionare le telecamere presenti nella struttura e individuare il proprietario dei due pacchi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
romasanta maria delle fornacichiesaparrocopacco bombaallarme bomba36mila eurocarabinieri stazione roma san pietro



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.