A- A+
Roma
Roma, la rivincita dei papà: "Padre e bimbo insieme durante la settimana"

In una sentenza del Tribunale di Roma la "rinvicita" di tanti papà; riconosciuto il pernottamento del figlio, di 4 anni, con il padre, sia nel weekend che infrasettimanale.

 

Un piccolo grande traguardo registrato dall’associazione Avvocato del Cittadino, che difende il genitore in questione nella separazione giudiziale. A seguito della prima udienza di un procedimento di separazione giudiziale, nei provvedimenti provvisori ed urgenti,  il Tribunale di Roma ha infatti concesso ad un padre che si è rivolto ad Avvocato del Cittadino i pernotti infrasettimanali con il figlio di 4 anni, oltreché per due weekend al mese. L'uomo che purtroppo, a seguito dei continui litigi, è stato costretto ad abbandonare la casa coniugale - soprattutto  per preservare la serenità del minore -  si era scontrato con gli abusi nell’esercizio della responsabilità genitoriale della madre, che decideva come e quando il piccolo potesse frequentare il padre e soprattutto si opponeva ai pernotti infrasettimanali, concedendo  allo stesso di tenere il figlio un solo pomeriggio a settimana e, a weekend alternati, dal sabato alla domenica (quindi per sole due notti al mese).

Il Tribunale di Roma ha invece stabilito che il padre potrà tenere il figlio con sé “una settimana dal mercoledì  dall’uscita di scuola con accompagnamento a scuola il giorno successivo e il fine settimana dal sabato mattina alla domenica sera e la settimana successiva il martedì  e il giovedì dall’uscita di scuola con accompagnamento a scuola il giorno successivo”. Per le festività e per le vacanze estive, il tempo è stato equamente diviso tra i genitori.

“Purtroppo, spesso, ci si trova davanti ad un uso distorto della responsabilità genitoriale – dice l’avv Emanuela Astolfi, presidente di Avvocato del Cittadino – e viene sfruttato il consolidato pregiudizio di genere, secondo il quale l’uomo sia implicitamente meno avvezzo a provvedere in toto alle esigenze del minore. In realtà, ogni caso è a sé: ad essere centrale è l’interesse del minore che ha il diritto di poter crescere avendo accanto, stabilmente, ed in maniera significativa, entrambi i genitori. E’ chiaro che in alcune situazioni, in tenerissima età, può non essere opportuno il pernotto con il genitore non collocatario ma, nel caso affrontato, a differenza di altre situazioni familiari, il padre non ha bisogno di acquisire gradualmente la capacità di accudimento del figlio, in quanto si è sempre occupato di tutte le esigenze del minore”.

Commenti
    Tags:
    romarivincitapapàaffidamentoseprazionebambinitribunale di romasentenza



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.