A- A+
Roma
Roma Metropolitane senza pace, al Tar vince il Campidoglio: sarà liquidazione

La liquidazione di Roma Metropolitane non si ferma. Il Tar del Lazio ha bocciato in via giurisdizionale la richiesta di sospensione della delibera con cui il Consiglio Comunale aveva avviato l'iter per lo smantellamento dell'azienda partecipata del Comune. Ma la guerra non è finita.

Il ricorso era stato presentato dall'amministratore unico e legale rappresentante pro tempore di Roma Metropolitane, Marco Santucci, da Antonio Lombardi, nella sua qualità di presidente del Collegio sindacale di Roma Metropolitane, e da Stefano Fassina, consigliere di Roma Capitale e membro dell'Assemblea capitolina, tutti rappresentati e difesi dagli avvocati Luisa Melara, ex componente del Cda di Ama, e Francesco Vannicelli. I giudici della seconda sezione del Tar hanno ritenuto “fondate le eccezioni di carenza di legittimazione ad agire sollevate da Roma Capitale nei confronti dei tre ricorrenti, sebbene per ragioni differenti”.

In particolare “l'amministratore unico e legale rappresentante pro tempore Marco Santucci è dimissionario dall'1.10.2019” si legge nell'ordinanza, e pertanto “era competente solo per l'ordinaria gestione fino alla nomina del nuovo amministratore e non aveva, quindi, il potere di compiere un atto di straordinaria amministrazione, quale deve ritenersi la proposizione di un ricorso avverso la delibera assunta dal socio unico della società partecipata per la messa in liquidazione della stessa”. Inoltre “non può riconoscersi alcuna legittimazione sostanziale alla proposizione del presente ricorso ad Antonio Lombardi, quale presidente del Collegio sindacale della società Roma Metropolitane e a Stefano Fassina, quale consigliere di Roma Capitale e membro dell'Assemblea capitolina”. Il presidente del Collegio sindacale “non ha la rappresentanza legale della società” né “è titolare di una situazione giuridica soggettiva lesa dalla delibera tale da fagli assumere una posizione differenziata” e “una legittimazione attiva a impugnare l'atto adottato dall'amministrazione resistente". Quanto a Fassina, scrivono i giudici del Tar, “nella sua qualità di consigliere di Roma Capitale e membro dell'Assemblea capitolina, non è legittimato a impugnare la delibera” di Roma Capitale “in quanto la stessa non risulta direttamente lesiva del proprio munus”.

Proprio Stefano Fassina, tramite Twitter, annuncia il ricorso al Consiglio di Stato: “Su Roma Metropolitane, abbiamo perso la battaglia al Tar del Lazio, ma continua la guerra contro l'irresponsabile liquidazione e gli inaccettabili licenziamenti di lavoratrici e lavoratori. Andiamo in Consiglio di Stato”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    roma metropolitaneroma metropolitane liquidazioneliquidazione roma metropolitanepartecipata comune di romatarricorso tarstefano fassinaconsiglio di stato




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    La Dolce Vita della bocciofila romana, Frongia: “Chiudiamo il procedimento”

    La Dolce Vita della bocciofila romana, Frongia: “Chiudiamo il procedimento”

    i più visti
    i blog di affari
    Lockdown e restrizioni, ma nel frattempo arrivano migliaia di migranti deportati dall'Africa
    Di Diego Fusaro
    ALTERNATIVA AL FINANZIAMENTO SOCI
    Bonus Inps e i furbetti: sdegno e levate di scudi. Ma quando capita ai comuni cittadini...
    Di Massimo Puricelli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.