A- A+
Roma
Roma, prima la famiglia poi il Comune. Assemblee da casa, vince il divano

di Cristina Grancio *

La volontà politica espressa attraverso il lavoro d’aula dal vivo, diciamolo chiaramente, vorrebbe diventare un lontano ricordo per i consiglieri del Comune di Roma, verrebbe da pensare che facciano le danze tribali in attesa di una conferma dell’emergenza sanitaria per poter comodamente continuare a partecipare al Consiglio e alle commissioni da casa.

Sarebbe interessante per tutti avere la possibilità di partecipare alle riunioni della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi Consiliari, che non sono pubbliche, ma non è segreto il contenuto delle stesse, per capire che la sicurezza sbandierata del procedere mediante videoconferenze per poter avviare l’epoca della politica in videoconferenza è stata di fatto un cavallo di Troia. Gli eletti consiglieri comunali hanno creato una distanza fra loro e la vita reale, che in questo momento è piena di incertezze e sofferenze economiche. Distanza quella oramai prodotta con visuale dal divano di casa e che sembra trasformarsi quasi in un gioco il fatto di levare l’audio, come ha ammesso di aver fatto con me il Presidente De Vito nell’ultima Conferenza  di venerdì. 

Bisognava esserci venerdì alla riunione di capogruppo per aver chiaro che il trasformismo ha preso il sopravvento. La maggioranza ha approvato da questa settimana di svolgere, delle due sedute settimanali in calendario del Consiglio, una in videoconferenza ed una fisicamente in Aula Giulio Cesare. Quale la ratio?

L’ aula o è sicura o non lo è, e la verità è stata detta: è più comodo gestire le questioni familiari in videoconferenza e addirittura  si è tirato in ballo il regolamento dell’assemblea capitolina: “Il Consiglio Comunale e le Commissioni Consiliari, compatibilmente con l’urgenza delle materie all’ordine del giorno dei rispettivi lavori, organizzano la propria attività secondo modalità che favoriscono l’equilibrio fra responsabilità familiari, politiche e professionali ed una migliore ripartizione di tali responsabilitàà fra i sessi”. 

Detto questo è chiaro, e a me lo era dall’inizio, che l’affanno di trovare argomentazioni sempre più sofiste per proseguire in smart-working fioccano, ciò che non mi è chiaro è perché anche coloro che esprimono parere favorevole a tornare tra gli scranni dell’Aula, quali la Celli per Roma torna Roma, Fassina per Sinistra per Roma, Politi per la Lega poi, fatto salvo un comunicato della Celli di qualche settimana fa, rimangono parole dette nella riunione dei capigruppo.

L’Italia è tornata al lavoro, il calcio è ricominciato riaprono i cinema, le discoteche, hanno riaperto i ristoranti, seppur con qualche accortezza, esattamente come prima, mentre i Consiglieri, lavorano intelligentemente, o con linguaggio più moderno, restano in smart working come un qualunque impiegato la cui presenza in ufficio non è fondamentale, ma la politica è una relazione indissolubile con la vita reale, con le persone reali e la vita è materia stessa della politica e perdere il contatto con le persone reali significa perdere il contato con la vita e con la politica. 

Questo modo di operare seda la voglia di manifestare i disagi dei cittadini perché andare in Piazza del Campidoglio sapendo di non essere ascoltati, perché non vi è nessuno è comportarsi come il folle Edwood Down che parla al grosso coniglio bianco che nessuno vede, ma siamo certi che questo coniglio non esista? Non è che la verità è che i consiglieri di maggioranza non hanno voglia di confrontarsi con i cittadini che hanno chiara la situazione disperata di questa città?

Mentre città come Napoli, Firenze o Genova tornano al loro lavoro nelle Aule Consigliari, altre città hanno assaporato come Roma il gusto di fare politica mentre si guida la macchina o mentre si è immersi in impegni personali. Bello far parte della elite…

* Cristina Grancio, consigliere DemA Gruppo Misto

Commenti
    Tags:
    romacomune di romariunione capigruppoconsiglio comunaleassemblea capitolinapolitica da divanodivano della poltica


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Aridaje, Virginia Raggi gioca il terno ma le elezioni non sono l'obiettivo

    Aridaje, Virginia Raggi gioca il terno ma le elezioni non sono l'obiettivo

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, un'emergenza infinita sinonimo di "nuova condizione di normalità"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Clizia Incorvaia brinda con le bollicine colorate, fan in tilt
    Francesco Fredella
    Centro Mounier - Diretta Streaming - Curare e guarire dal Covid-19 a domicilio

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.