A- A+
Roma
Roma sprecona e magnona. "E io pago". I conti segreti della città in un libro

di Patrizio J. Macci

Roma sprecona, "magnona", ladrona. La città più bella del mondo è anche quella più costosa, corrotta e inefficiente. Ma i ladri rubano se nessuno controlla e gli lascia mano libera. La requisitoria del Movimento Cinque Stelle sui mali di Roma sciorinato in quasi quattrocento pagine di documenti, analisi, dati. Un fiume di soldi che non si capisce dove vadano a finire mentre lo stato di salute della Capitale è in caduta libera. Roma è oggettivamente una città sporca, con i mezzi pubblici malfunzionanti e una rete stradale ridotta a un colabrodo.
L'hanno firmata Daniele Frongia, romano statistico e informatico presso l’Istat consigliere comunale del movimento Cinque Stelle nella passata consiliatura e presidente della Commissione per la riforma e la razionalizzazione della spesa di Roma insieme a Laura Maragnani per l'editore Chiarelettere con il titolo "E io pago". Per la prima volta vengono resi pubblici i dati raccolti dalla Commissione che per più di due anni ha lavorato sui conti disastrati e dissennati di Roma Capitale. Un malloppo di carte "dimenticate" nei cassetti dell’amministrazione che mostrano una realtà inquietante.
I numeri del grande saccheggio di Roma a spese del paese intero. Il Campidoglio perde 400 milioni di euro annui tra i servizi (non dovuti) offerti gratuitamente e le tasse evase da soggetti ben identificati nel volume. L’acqua per le fontane della capitale costa più di 5 milioni di euro l’anno; cooperative, circoli sportivi e ospedali privati fanno affari in residenze da sogno a spese della collettività. Otto inquilini su dieci del Comune (naturalmente in pieno centro) non pagano l’affitto da anni. C’è un’Italia che se ne frega di bollette, multe, tasse, contratti, e c’è un Comune che non riesce a farsi pagare un euro. I grandi sprechi che offendono l'occhio di qualsiasi lettore vanno dagli 800 milioni di Euro per la Metro C (costi in eccesso), ai 600 milioni di Euro di indebitamento dell'ATER (le case popolari) in affitti mai corrisposti, 600 milioni per l'incompiuta Città dello sport di Calatrava soprannominata dai romani "La cattedrale nel deserto", 586 milioni di Euro gettati nell'avventura dissennata dei Punti verde qualità al centro dell'inchiesta di Mafia Capitale, 160 milioni di Euro per il corridoio Laurentino dove avrebbe dovuto sfrecciare una flotta di filobus invece ridotto a semplice corsia preferenziale. Dulcis in fundo, i 30 milioni di euro di dfferenza tra consuntivo e preventivo dell'eterea Nuvola di Fuksas della quale il Comune è anche proprietario in percentuale. E poi i canoni dettagliati e i beneficiari di un patrimonio sterminato in metri quadrati, a prezzi che spesso non arrivano a pagare il prezzo di un pasto completo in una catena di fast food. Improbabili manifestazioni musicali che pagano per l'affitto degli spazi cifre irrisorie, che non basterebbero ad affittare un bugigattolo in periferia.
Roma come il simbolo di una mala gestione diventata sistema di vita, nel quale sguazzano i cittadini e i suoi amministratori. La cronaca puntuale di un saccheggio.

Tags:
romadissesto finanziariochiareletterefrongiaeditoriamafia capitalem5s
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Spelacchio, scandalo di Natale che riabilita Ignazio Marino e Gianni Alemanno

Spelacchio, scandalo di Natale che riabilita Ignazio Marino e Gianni Alemanno

i più visti
i blog di affari
Il governo-Leviatano: reddito di sopravvivenza in cambio di libertà e diritti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pneumatici usati: perché sceglierli. Vantaggi, numeri e affidabilità
Redazione
Avv. Antonio Papi Rossi. Incontro online Aiuti Pubblici. Aiutiamo i più deboli
Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.