A- A+
Roma
Roma tra i rifiuti, non lo dite a Raggi. “Ama sogna un termovalorizzatore”

di Cristina Grancio *

Ama sembra proprio andare verso l’abbandono del porta a porta e della raccolta differenziata e dimentica le volontà dei romani di aver scelto la Raggi perché intenzionata ad incrementarla fino al 70%, e la strada dei termovalorizzatori sembra essere dietro l’angolo.

Per capirlo basta fare alcune considerazioni sulle modalità di gestione di alcuni suoi comparti per i quali era stato fatto il bando come quello del “Servizio di raccolta differenziata porta a porta delle frazioni di rifiuto organico, multilaterale leggero, cassette di plastica, vetro carta, imballaggi in carta e cartone e rifiuto indifferenziato presso le utenze non domestiche di Roma Capitale in 16 lotti territoriali” e sul fatto che in questi giorni a Roma l’amministratore unico di Ama Stefano Zaghis afferma: “Ii nuovi camion compattatori che l'azienda ha acquistato negli ultimi nove mesi possono sollevare e svuotare tutti i cassonetti stradali da 2.400 litri, sia quelli destinati alla differenziata (carta, plastica e metallo, organico) sia quelli per l’indifferenziato".

Ovvio Zaghis nega questa tendenza affermando che fra le sue 4 ipotesi di piano industriale di AMA quella dei termovalorizzatori è stata scartata dal Comune ma basta aspettare la “disperazione” perché alla fine i cittadini stremati la accettino, piuttosto che ritrovarsi sommersi dai rifiuti.

La scelta di AMA di aver internalizzato il servizio di raccolta non domestica senza incrementare atti o operazioni, per competenze e carichi di lavoro, ma smantellando parte delle imprese che avevano vinto il bando e spostando operatori AMA, tra l’altro non specializzati, dalla raccolta domestica a quella non domestica sta creando problemi principalmente proprio in quei municipi dove 270 operatori sono stati mandati a casa, e questo può essere un altro indizio della direzione presa.

Proprio di questi giorni, tra l’altro, la preoccupazione dell’Ordine dei Medici di Roma, dell’emergenza sanitaria rifiuti si affianca a quella del Covid-19, “Roma è troppo sporca è allarme”. La Storta, Labaro, Bufalotta sono parte di quei lotti su cui più il Presidente dell’Ordine dei medici Magi si lamenta. E allora basta che tempo e sfinimento dei cittadini sommersi dall’immondizia facciano il loro corso che il gioco è fatto. Del resto Acea SPA, di cui Roma Capitale è azionista maggioritario, non nasconde che sta puntando sulla termovalorizzazione; Roma con i suoi nuovi compattatori può raccogliere anche l’indifferenziata che può direttamente essere scaricata nel termovalorizzatore; a sentire chi la mondezza la raccoglie e dalle fonti ufficiali, la quota di differenziata non fa altro che diminuire. Allora come diceva Agata Cristie “un indizio è un inizio, due sono un caso, tre indizi sono una prova”: il piano di AMA non sembra proprio quello di onorare il programma elettorale di “verso rifiuti zero”! E chissà che poi l’emergenza Covid-19 non dia l’ultimo aiutino finale…

* Cristina Grancio, consigliere DemA Gruppo Misto

Loading...
Commenti
    Tags:
    romacomune romavirginia raggiamatermovalorizzatorerifiutirifiuti romastefano zaghisrifiuti zerocristina grancio




    Loading...






    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    La Dolce Vita della bocciofila romana, Frongia: “Chiudiamo il procedimento”

    La Dolce Vita della bocciofila romana, Frongia: “Chiudiamo il procedimento”

    i più visti
    i blog di affari
    Testamento, un genitore può lasciare tutta l’eredità a uno solo dei figli?
    di avvocato Rebecca Sinatra*
    Lockdown e restrizioni, ma nel frattempo arrivano migliaia di migranti deportati dall'Africa
    Di Diego Fusaro
    ALTERNATIVA AL FINANZIAMENTO SOCI

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.