A- A+
Roma
Roma, un chilo di droga in cassaforte. I cani Condor e Wumm scovano il tesoro

Nascondeva un chilo e 300 grammi di cocaina nella cassaforte dentro un capannone alla Borghesiana. In manette 44enne romano.

Quando è stato fermato per un controllo su via Avola, dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Casilino l’uomo, alquanto agitato, ha cercato con la mano destra di nascondere qualcosa nello spazio tra la leva del freno a mano ed il sedile del conducente.

Gesto non passato inosservato ai poliziotti: l’uomo nascondeva alcuni grammi di cocaina e, nella tasca dei pantaloni aveva 450 euro in contanti.

Accompagnato negli uffici del commissariato, gli investigatori hanno effettuato ulteriori controlli presso l’abitazione. A casa di U.S., dentro alcuni cassetti sono stati rinvenuti 13 grammi di cocaina – in un capanno di pertinenza dell’abitazione gli agenti hanno rinvenuto un contenitore di grandi dimensioni in plastica con all’interno una scatola di scarpe che conteneva spillatrici d’ufficio, 11 bilancini di precisione, nastro adesivo, taglierini, forbici, coltelli di varie lunghezze, 1 sacchetto di plastica argentato contenente mannite del peso di 488 grammi, 1 barattolo di alluminio contenente sempre mannite del peso di 683 grammi e bustine di plastica trasparente di piccole dimensioni.

Nello stesso capannone i poliziotti hanno trovato due cassaforti: una aperta e vuota mentre l’altra, trovata chiusa. Per poterla aprire gli agenti hanno richiesto l’ausilio alla Sala Operativa della Questura dei vigili del Fuoco che, giunti sul posto, hanno constatato una volta aperta, che era vuota.

Rinvenuto il “fornito materiale da confezionamento, gli operatori di polizia pensando che l’uomo potesse nascondere droga, hanno richiesto il prezioso aiuto dei cani antidroga della Polizia: “Condor” e “Wumm”. Subito a lavoro in un’ intercapedine del lavandino, hanno fiutato della droga: trovati 4 involucri contenenti 37 grammi circa di “polvere bianca”.

Ancora il loro fiuto ha condotto gli agenti all’esterno di un altro capannone: una volta all’interno, Condor ha iniziato a segnalare insistentemente la presenza di sostanza stupefacente, dirigendosi subito davanti ad un mobile. La sorpresa: un'altra cassaforte ma questa volta piena.

Gli investigatori hanno rinvenuto un sacchetto di tela nero con scritto “Y3” con al suo interno: 1 panetto di sostanza stupefacente chiuso in un involucro di plastica sottovuoto e termosaldato del perso di 813 grammi – 32 grammi di cocaina ed infine ulteriori 420 grammi sempre della stessa sostanza suddivisa in 500 pezzi.

Il 44 enne romano, ultimati gli atti di rito, è stato condotto a Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e dovrà rispondere di detenzione illegale ai fini di spaccio.

Commenti
    Tags:
    romadrogaspaccio drogaborghesianacani drogacriminalitàsicurezzapolizia




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Omicidio Vannini: 14 anni ad Antonio Ciontoli, 9 alla famiglia. La sentenza

    Omicidio Vannini: 14 anni ad Antonio Ciontoli, 9 alla famiglia. La sentenza

    i più visti
    i blog di affari
    Ennesimo inciampo di Johnson specchio della crisi del Regno Unito
    Ernesto Vergani
    UK-Italia: il legame resiste all’impatto del Covid
    Bepi Pezzulli
    "Parterre de rois" per la presentazione del libro di Giampaolo Berni Ferretti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.