A- A+
Roma
Ruba scarpe da ginnastica e minaccia la commessa: “Sono una Casamonica”

Ha minacciato la commessa di un negozio a Tor Vergata, l'ha buttata a terra ed è scappata con 280 euro di scarpe da ginnastica sotto braccio.

 

La donna ha vantato parentele coi Casamonica per spaventare la dipendente dello store e non farsi inseguire.
Il negozio ha però chiamato i Carabinieri, che sono riusciti a rintracciare la 48enne romana e a rubare la refurtiva. La donna, che non fa Casamonica di cognome, ma è comunque imparentata alla famiglia dei boss romani, è stata arrestata per la rapina.
La merce è stata recuperata e restituita al proprietario del negozio. Dopo l’udienza di convalida a piazzale Clodio, la donna è stata sottoposta alla misura dell’obbligo di firma presso la caserma dei Carabinieri.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
casamonicafurtorapinanegozioscarpe da ginnasticator vergatacommessaminacceboss



Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

i più visti
i blog di affari
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.