A- A+
Roma
Rubata la mandibola dello scheletro romano trovato in spiaggia a Ladispoli

Rubata la mandibola dello scheletro romano rinvenuto venerdì 11 agosto sulla spiaggia di Ladispoli.

 

“Il sito, nella giornata di ieri, era stato chiuso e sigillato come da indicazioni della sovrintendenza” ha scritto su Facebook l'assessore alla cultura della cittadina Marco Milani. “Manomettere lo scavo, toccare, asportare pezzi è una violazione della legge.
Possibile che si scenda a tali livelli di inciviltà? L'amministrazione è pronta a denunciare i colpevoli”.
Nonostante le accuse volate sui social network, lo scheletro non è certo stato difeso prontamente dai curiosi. Appena si è diffusa la notizia di una tomba romana all'aria aperta, sono stati numerosi i curiosi accorsi armati di smartphone e selfie stick.
A trovare la tomba cappuccina è stata una turista, che pensando si trattasse di un cadavere recente ha immediatamente allertato le autorità. Quando è diventato chiaro che si trattasse di reperti archeologici, i bagnanti della spiaggia di Palo Laziale sono accorsi per una foto ricordo. Tra i curiosi dev'essere arrivato anche il ladro di reperti, che è riuscito a trafugare la mandibola dello scheletro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
furtomandibolascheletrosito archeologicospiaggialadispolipalo laziale



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.