A- A+
Roma
San Giovanni sarà autostrada. Corsie con cordoli di cemento: mostro a 5 Stelle

Corsie preferenziali, dal cilindro del Cinque Stelle, esce il “mostro di San Giovanni”. Via Emanuele Filiberto chiusa in un budello di cemento un boulevard trasformato in una specie di autostrada urbana; una via elegante, nel cuore di San Giovanni, cuore dell'architettura piemontese, dove verranno appoggiati metri e metri di cordoli di cemento armato che cambieranno completamente il panorama a ridosso di piazza San Giovanni in Laterano e la Scala Santa.

 


Il “mostro a Cinque Stelle”, l'ultimo folle progetto partorito dalla mente diabolica del presidente della Commissione Comunale trasporti, Enrico Stèfano, si chiama corsia “preferenziale con cordolo in cemento”, che tradotto significa prendere gli enormi blocchi di cemento armato new jersey e stenderli lungo strade storiche per creare corsie preferenziali impenetrabili.

Il genio dei trasporti all'opera
Il sedicente esperto di trasporti, vero e proprio assessore ombra che si sovrappone ala titolare della delega Linda Meleo, annuncia con cadenza settimanale progetti elaborati dall'Agenzia per la Mobilità che prevedono sì corsie preferenziali nuove ma anche terrificanti progetti di “protezione” che non tengono in nessun conto il valore storico e architettonico delle vie nelle quali si interviene. E così se sull'asse via Principe Eugenio, via Napoleone III si studia come posare semplici paletti in gomma poco più in là sul vale che guarda piazzale Appio e la storica spianata di San Giovanni, la soluzione che si vuole adottare è quella autostradale: barriere di cemento, con un po' fece Ignazio Marino su via Labicana, trasformata per la chiusura dei Fori Imperiali in una caotica strada di scorrimento con vista sul Colosseo e sul Colle Oppio.
Stéfano, che ormai passa metà della sua giornata negli uffici di Atac e Agenzia a cercare di capire le regole base della mobilità publica e privata, ha annunciato che il “mostro di San Giovanni” prenderà vita a fine anno, al termine della Conferenza dei Servizi e del successivo bando di gara finanziato con fondi già in bilancio.

Si prepara la rivolta dei residenti
Ma residenti  e commercianti sono già sul piede di guerra. “Se il Comune pensa di trasformare la strada  - tuona uno dei membri del nascente comitato di difesa dal cemento di via Emanuele Filiberto – dovrà fare i conti con noi. Siamo favorevoli al trasporto pubblico e alle corsie preferenziali come tutte le persone di buon senso, ma che almeno vengano realizzate rispettando l'architettura storia della zona. No ai cordoli di cemento e sì a sistemi di protezione delle corsie di bus e tram che rispettino il luogo come cordoli di plastica o paletti. Se pensano di aprire l'autostrada a San Giovanni, chiederemo alle Soprintendenze un intervento a tutela del paesaggio. E stavolta non ci sarà via dei Fori Imperiali come merce di scambio per posare new jersey, chi tutela il valore della città dovrà ascoltarci, altrimenti ricorreremo in ogni sede per fermare un progetto da matti. Immaginate cosa accade in una corsia preferenziale protetta da cordoli in caso di guasto di un bus o un tram. Via Emanuele Filiberto sarà un grande imbuto nel quale finirà tutto il flusso di transito da San Giovanni all'Esquilino e viceversa”.

Apre San Giovanni, stazione-museo

Iscriviti alla newsletter
Tags:
san giovannicorsie preferenzialivia emanuele filibertocordoli cementoia labicanaenrico stèfanotrasporti romacinque stelle



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.