A- A+
Roma
Sanità, liste d’attesa infinite. Un anno per un'ecografia: Lazio maglia nera

La sanità del Lazio "malata" di liste d'attesa. Boom di chiamate al numero verde del Ministero della Salute: le maggiori lamentele sui tempi biblici vengono proprio dal Lazio.

 

Un dramma nazionale, che coinvolge Nord come il Sud, con ritardi in una prima visita specialistica o in una prima ecografia in ritardo che possono cambiare il destino di una malattia. A soffrire però più di tutti è però proprio i residente del Lazio, dal quale arriva una lamentale su quattro. È quanto rivela il rapporto del ministero della Salute, basato sulle telefonate arrivate al numero verde 1500, istituito proprio per individuare le criticità relative alle liste d'attesa nella sanità pubblica.

Le telefonate dei cittadini raccolte dagli operatori da ottobre a fine dicembre 2018 sono state circa 1.600 e sono giunte soprattutto da Lazio (24%), Lombardia (13%), Campania (8.6%), Sicilia (8%) e Toscana (7.8%) e Puglia (6%).

Le segnalazioni hanno riguardato problemi relativi a tempi eccessivi delle prestazioni di primo soccorso, o ancora, di primo controlli. Il Ministero parla poi nel report di "casi eclatanti" come quello dell'Asl Rm 1, poliambulatorio via Lampedusa, dove i tempi di attesa un'ecografia all'addome (controllo) è di un anno.

Il primato negativo tutto romano spetta infatti alla Asl Rm2 e la Asl Rm1 di Roma, che vantano il maggior numero di segnalazioni di criticità di tutta Italia. Tra le prestazioni di primo accesso, quella per cui si sono registrate più criticità è la colonscopia, l'arma principale per la prevenzione del tumore del colon-retto. Per quanto riguarda le vere e proprie lista d'attesa bloccate, ovvero quelle per le quali non è possibile neppure fissare un appuntamento: la prestazione più interessata è la visita oculistica, segue l'ecografia all'addome.

Commenti
    Tags:
    sanitàliste d'attesaregione laziolamentelesegnalazionidenunceministero sanitàroma







    Europee, Roma nel caos: Catarci contro Marino: “Scambia imballi per schede”

    Europee, Roma nel caos: Catarci contro Marino: “Scambia imballi per schede”

    
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.