A- A+
Roma
Sanità, solo la prevenzione salverà i conti. "Le Regioni devono fare la loro parte"

Prevenire le malattie è un investimento per migliorare la qualità della vita e per salvare i conti della Sanità. Parole chiare e una visione che guarda al futuro vengono dal convegno “Prevenire è Salute” che ha riunito a Roma nel Tempio di Adriano i più importanti stakeholders del settore della sanità pubblica, di quella privata e del mondo accademico.
Organizzato da EIPHAS (European Institute Prevention Health Analis ys Security) e PreSA Italia, il network editoriale di Prevenzione e Salute ,  in collaborazione con UNIAMO – Federazione Italiana Malattie Rare, CEIS Tor Vergata e Giovanna d’Arco onlus, l'evento  ha analizzato il tema della prevenzione sotto il profilo medico, sociale ed economico.
"Un tema che si associa e si lega a doppio filo con quello della sostenibilità  -  ha spiegato Marcello Aranci Presidente di EIPHAS Italia all’apertura dell’appuntamento annuale  -  garantire e investire in prevenzione nel tempo della crisi: questa la grande sfida che la sanità pubblica è portata ad affrontare focalizzando la prevenzione come punto d'Interesse Nazionale".

 


Per Guido Castelli Presidente di Ifel fondazione ANCI e Sindaco di Ascoli Piceno, “la prevenzione è la partita strategica da interpretare proprio in un quadro di investimento, soprattutto in una fase così delicata per gli enti locali – ha detto  - la stagione cui andremo incontro non lascerà dubbi interpretativi e i Sindaci con la loro responsabilità non saranno semplici amministratori, ma quasi dei “Pater familias” delle loro comunità".
Piena condivisione della strategia di EIPHAS è arrivata da Enrico Zanetti, sottosegretario all'Economia: “Il Ministero dell'Economia è convinto dell'opportunità di sostenere la prevenzione e della necessità di non abbassare la guardia su una spesa sanitaria che sappiamo essere, da diversi anni a questa parte, la spesa più monitorata di tutto in assoluto”.
Un link diretto all'intervento   di Vito De Filippo  Sottosegretario alla Salute: "Abbiamo approvato un Piano Nazionale della prevenzione che offre assi e linee strategiche di grande qualità condivise anche dalle Regioni. Sarebbe importante e utile che ciascuna delle Regioni si dotasse di un proprio Piano regionale per descrivere le strategie del prossimo triennio sui comportamenti e sugli investimenti che bisogna garantire”.

servizio prevenzione

Infine, Marco Trabucco Aurilio coordinatore scientifico di Presa Italia: "In questo quadro Presa Italia è uno strumento a disposizione dei cittadini per affrontare e conoscere i nodi cruciali della Sanità pubblica e privata. La salute è diritto di tutti e la vogliamo portare ad una platea sempre più vasta con semplicità ma conservando il necessario e doveroso rigore scientifico"
Trabucco Aurilio ha ricordato una recente  indagine che individua oltre 670.000 casi censiti di  malattie rare in Italia, nella maggior parte dei casi bambini. Per sostenere e aiutare la ricerca sule malattie rare, la Marlen pen ha realizzato in esclusiva un penna in edizione limitata, che è stata presentata a conclusione dell’evento.

Tags:
sanitàcosti sanitàeiphastrabucco aurilioaranciministero saluteministero economia



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.