A- A+
Roma
Scandalo Farmacap: 9 anni senza bilanci, 22 mln dalle tasche dei romani

Nove anni senza bilanci Farmacap per evitare il fallimento e ora un esborso per i romani da 22 mln di euro. Per questo l'intera partita sulle farmacie comunali la spedirò alla corte dei conti.

Abbiamo a cuore l'agenzia Farmacap e soprattutto il suo personale e quella che dovrebbe essere la sua finalità sociale nella città; ma allo stesso modo non possiamo non avere a cuore i nostri concittadini che sono stati chiamati già nel 2015 a pagare di tasca propria 15 milioni di euro per ripianare i debiti della Farmacap e che oggi sono nuovamente per la maggioranza di centrosinistra vacche da mungere per 22 milioni di euro, anch'essi di nuovo finalizzati a coprire l'ennesimo fallimento gestionale di questa agenzia comunale proprietaria di 45 farmacie.

Un colpo di spugna sulla contabilità fantasiosa

Nove anni di bilanci non approvati dall'Assemblea capitolina meritavano e meritano un approfondimento maggiore e un riscontro fattivo dagli organi dediti a vigilare sui danni erariali. Invece in un sol colpo, la maggioranza approva i bilanci dal 2013 al 2020, bilanci pieni di dubbi e di ombre nei quali emergono evidenti tecniche contabili, per usare un eufemismo, perlomeno fantasiose.

Sono convinto che nessun romano possa immaginare che attività come quelle farmaceutiche riescano per anni ad avere bilanci in perdita. Ed è per questo che non condividiamo come la giunta Gualtieri ha gestito la questione Farmacap, una gestione leggera, approssimativa, e un rilancio basato su un piano di risanamento vuoto e soprattutto sviluppato in assenza di un contratto di servizio di cui non c'e' traccia dal lontano 2010. Una serie di escamotages, bilanci non approvati, tutte questioni finalizzate ad aggirare una legge nazionale che prevede la messa in liquidazione di organismi con bilancio in perdita per quattro anni. Temiamo fortemente che la giunta Gualtieri stia tentando di rimettere in piedi un gigante di argilla, per poi tentare, come già accaduto ai tempi della giunta Marino, di vendere o far entrare capitali privati nell'agenzia Farmacap, facendo così venir meno quelle finalità sociali per le quali le farmacie comunali dovrebbero differenziarsi dalle farmacie private. Chiederemo lumi alla Corte dei conti su quanto accaduto e vigileremo affinché l'agenzia Farmacap rimanga totalmente in mano pubblica.

Marco Di Stefano, consigliere Udc-Forza Italia

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bilancicorte dei contifarmacapfarmacap. farmacie comunalimarco di stefano comune romaroma capitale






Ostia, niente musica e disco negli stabilimenti: il Comune mette il veto

Ostia, niente musica e disco negli stabilimenti: il Comune mette il veto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.