A- A+
Roma
Schiava venduta per 10 mila euro: tradita dal fidanzato e fatta prostituire

Venti anni: scompare da Tuscania in provincia di Viterbo e, dopo aver girato col “fidanzato” tra Inghilterra e Romania, arriva a Roma e viene costretta a prostituirsi. Il fidanzato amorevole l'ha venduta per 10 mila euro ad una maitresse rumena.

E' la storia di A. L. nome di fantasia, sottratta alla famiglia e per oltre un anno costretta a prostituirsi e a spacciare cocaina. I carabinieri l'hanno ritrovata a Roma dopo che era stata costretta a vendersi sui marciapiedi di via dei Prati Fiscali e quando è scattato il lockdown, messo dentro una casa alcova, gestita sempre dalla stessa organizzazione.

Neanche l'amore di un cliente che aveva tentato di salvarla è riuscito a sottrarla al suo destino: quella giovane per l'organizzazione poteva salvarsi solo se l'uomo avesse pagato il suo riscatto: 8 mila euro.

Alla fine la ragazza è riuscita a scappare e a tornare a Tuscania, dove i carabinieri hanno garantito sostegno e tutela. Al termine delle indagini i militari del Nucleo Investigativo di Viterbo, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma nei confronti di quattro cittadini stranieri, gravemente indiziati, a vario titolo, dei delitti di riduzione in schiavitù, tentata alienazione di schiavi, tentata estorsione aggravata, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, cessione di sostanze stupefacenti.

Nel corso delle indagini, inoltre, si è accertato che gli indagati, oltre a quanto detto, gestivano nella Capitale una fiorente attività di spaccio di cocaina, nonostante le limitazioni imposte in relazione dall’emergenza epidemiologica, con oltre cinquanta clienti. Agli assuntori veniva effettuata la consegna della droga anche a domicilio, ricorrendo ad escamotage come quello di utilizzare taxi oppure spacciarsi per riders, addetti alla consegna di cibo.

Il volume d’affari degli indagati era veramente importate: per la prostituzione riuscivano ad incassare 600 euro al giorno, mentre per il giro di droga, realizzavano quotidianamente 1.500 euro.

Commenti
    Tags:
    violenzaprostituzioneschiavaprostituta schiavacarabinieriprostituta vendutaprati fiscalituscania


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    L'asse Dibba-Casaleggio spaventa il nuovo M5s di Conte
    Porte blindate: il rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia
    Redazione
    The Smart side of the Work – Rischi e opportunità del lavoro Agile

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.