A- A+
Roma
Selfie mania e social patologia. “L'umanità condannata a morte”. Libro choc

Facebook, Instagram, Twitter e gli altri mini social media in ascesa: dietro la selfie mania si nasconde una vera malattia dilagate e virale che può essere definita come la patologia attraverso la quale la “classica” nevrosi da malattia del secolo, al confronto, prende le sembianze di un raffreddore. Insomma, “un pericoloso feticismo di se stessi”.


“Social narcisi, ossessionati dalla propria forma truccata, pseudo star multimediali illusi di aver raggiunti l'onnipotenza, gioiosamente privati della loro libertà”: come ogni rivoluzione che viene dal basso il libro in formato e-book che mette a nudo senza pietà la selfie follia lo ha scritto uno studente presso la Facoltà di Filosofia dell'Università La Sapienza di Roma che ha concentrato la sua attività sulle teorie estetiche contemporanee e sul pensiero di Friederik Nietzsche.

Si chiede Giovanni Pacini: “Dopo il fantomatico click due sono i pensieri che sorgono nell’immediato: “Come sono venuto?”, “Cosa diranno gli altri di me?”. Il terrore che ogni  giorno attanaglia milioni di persone è motivato dal fatto che la società contemporanea si appoggia alle immagini; fonda sulle rappresentazioni fotografiche le proprie credenze, i propri valori, le proprie conoscenze”.

La conclusione è apocalittica: “L’umanità è immersa in un cancro silente che, asintomaticamente, sta espandendo le proprie metastasi a ogni uomo. Dal silenzio appariranno, quando ormai sarà troppo tardi, le prima grida di dolore che, in breve tempo, muteranno in un secondo silenzio, quello della morte. Una morte che vedrà protagonisti il mondo dell’arte, riguardante la pittura, la fotografa, la musica e, non da ultima, la dignità umana, ormai privata delle proprie intimità e assetata di potere”.

Grazie al secolo dell'immagine tutti sono divenuti star. O quasi. Non resta che aspettare la pubblicazione per sapere se c'è la speranza di una cura.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cancrogiovanni paciniimmaginila sapienzametastasimorteselfieselfie maniasocialumanità






Case ai rom, Ugl attacca Gualtieri sui diritti: "Ai nomadi pure i disservizi"

Case ai rom, Ugl attacca Gualtieri sui diritti: "Ai nomadi pure i disservizi"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.