A- A+
Roma
Sette segrete nigeriane commerciano esseri umani, infiltrati anche a Roma

Spacciano droga, sfruttano la prostituzione, reclutano adepti con metodi violenti, praticano riti raccapriccianti, e hanno infiltrati anche a Roma: 59 appartenenti a due sette segrete nigeriane sono stati arrestati nell'ambito dell'operazione caste verde, ”. Uno degli infiltrati, un nigeriano di 40 anni è stato rintracciato in una villetta nella periferia est della capitale, in zona Castel Verde.

L'operazione è stata svolta in maniera congiunta dalla Squadra Investigativa "Anti Tratta" della Polizia Locale di Torino e Carabinieri.
L'indagine nasce nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una cittadina nigeriana, per tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione a carico di due suoi connazionali. I reati accertati sono quelli di rapina, tentato omicidio, lesioni personali, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, sfruttamento della prostituzione, falsificazione di carte di credito e immigrazione clandestina.

L'operazione, condotta con servizi di osservazione, pedinamento e controllo sul territorio, con intercettazioni telefoniche e ambientali, ha permesso di scoprire l'esistenza di due "cult" (confraternite) segreti nigeriani, i "Maphite" e gli "Eiye", in perenne conflitti tra di loro. Dalle indagini è emerso che non si tratta di bande sparpagliate sul territorio, ma di una grande organizzazione internazionale, dai contorni paragonabili alle mafie, che minaccia, sfrutta e talvolta uccide, ramificata in tutto il nord Italia, con infiltrazioni a Roma, Novara, Alessandria, Verona e Bologna.
A Roma soggiornava uno degli arrestati O.D. 40enne nigeriano sorpreso all’interno di un appartamento a Castel Verde. All’interno della villetta è stato trovato materiale rilevante per le indagini, trasmesso alla Procura di Torino, e sono state identificate altre 8 persone. Secondo quanto si apprende, alcune di esse svolgono attività di prostituzione ma al momento non ci sono elementi per evidenziarne lo sfruttamento.
A far da contorno agli interessi economici dei "cult", fatto di spartizione del territorio per lo spaccio, prostituzione, vi sono innumerevoli spedizioni punitive con violenti scontri armati. Le indagini hanno accertato che i membri dei due gruppi praticavano affiliazioni occulte e riti raccapriccianti, fatti di cieca obbedienza, omertà assoluta e versamento periodico di denaro per finanziare i gruppi locali. Il reclutamento di nuovi adepti veniva effettuato con metodi coercitivi e violenti.

Tags:
prostituzionesfruttamento della prostituzionetratta di esseri umanisette segrete nigerianeoperazione athenaeumpolizia locale
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

i più visti
i blog di affari
Il Global Management Challenge anche in Italia. Gratis per i team di studenti
Paolo Brambilla - Trendiest
Tg1, Carboni conduce al posto di Giorgino. Ecco il retroscena clamoroso
Di Francesco Fredella
MUSICA. Il COVID-19 non lo ferma: Filippo Pezzini lancia l’album “Flemmatico”
Greta V.Galimberti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.