A- A+
Roma
Sgomberi, vertice in Prefettura. Raggi: “Priorità a chi aspetta da decenni”

Sgomberi di via Curtatone e piazza Indipendenza: è emergenza alloggi. Raggi al termine del vertice con Regione e Prefetto: “Priorità a chi aspetta da più tempo”.

 

Si è concluso il tavolo tecnico a Palazzo Valentini dove Campidoglio, Regione e Prefettura si sono incontrati per risolvere la crisi degli alloggi ai rifugiati. Il sindaco di Roma al termine dell'incontro ha ribadito la posizione del Comune: “Noi dobbiamo dare priorità a chi aspetta una casa da decenni, dobbiamo accogliere le cosiddette fragilità (anziani, mamme e bambini)”, ha ribadito. Ai rifugiati di via Curtatone è stata data una possibilità che hanno deciso di ignorare, sostiene Raggi: “Alle persone che in questo momento sono per strada è stato offerto un aiuto che è stato rifiutato, noi continueremo a offrire questo genere di aiuto”.
Mentre i delegati dei movimenti per la casa hanno giustificato le occupazioni, il sindaco si è opposto categoricamente ai fenomeni di abusivismo: “Lavoriamo al tema dell'emergenza abitativa anche con la Regione, ma deve essere chiaro che il percorso non può deviare dal corso della legalità e dobbiamo evitare guerre tra poveri".
E proprio i movimenti per la casa aspettavano il ritorno di Raggi in Campidoglio con fischi e urla. "I poveri sono tutti fragili. Dove sono i soldi stanziati dalla Regione?" hanno chiesto alcune donne in attesa del sindaco davanti al palazzo senatorio.
Cristiano Armati, appartenente al Movimento per il Diritto all'Abitare, era presente all'incontro e ha commentato le proposte di Campidoglio, Prefetto e Regione con un “nulla di fatto”. "Il Comune continua ad offrire delle soluzioni per quelle che vengono definite fragilità. La soluzione è quella del circuito dell'accoglienza del Comune di Roma - ha spiegato Armati - che è riservato esclusivamente a donne incinte separate dai mariti, anziani disabili separati da chi fino a quel momento si stava prendendo cura di loro e bambini. Non c'è nient'altro, questo deve fare orrore”. Armati ha annunciato che il presidio degli sgomberati in via dei Fori Imperiali continuerà.
Nella Capitale sono stati censiti 73 immobili occupati se non si conta quello di via Curtatone, al centro delle polemiche recenti. Sono circa 5 mila le famiglie domiciliate abusivamente negli stabili, per un totale di 20 mila persone. Le liste di attesa per una casa popolare invece contano 10 mila 100 famiglie.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sgomberivia curtatonepiazza indipendenzavirginia raggiraggicampidogliom5s prefettopaola basiloneregione lazioverticealloggimovimenti per la casa



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.