A- A+
Roma
Soldi in cambio di foto e video hard. Amore e sesso tossico, donna in trappola

Lui, lei, le foto hot e i video che li ritraggono insieme nel letto e il ricatto di pubblicare tutto su youtube e sui social se la vittima non paga. E' il copione classico che vede gli uomini cadere vittime di una "debolezza", ma stavolta è una donna ad essere ricattata, una professionista romana che non ha ceduto e si è rivolta alla Polizia Postale.
Così l’uomo - un 48enne siciliano con numerosi precedenti di Polizia – è stato smascherato dagli agenti del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma. Dopo aver inviato una richiesta di amicizia ad una donna sul noto social network “Facebook”, l’uomo ha intrapreso con lei una “relazione” basata su conversazioni, proseguite poi su Whatsapp.
In seguito il 48enne aveva richiesto ed ottenuto delle immagini “hard” dalla donna, attraverso le quali aveva iniziato a “ricattarla”, minacciandola di pubblicare sul social network il contenuto delle conversazioni tra loro intercorse e le foto erotiche ottenute, qualora non avesse ricevuto in tempi brevi la somma di 200 euro.
La donna, una professionista romana, spaventata da quanto stava accadendo, e destinataria di sempre più insistenti e frequenti minacce, si è allora rivolta agli investigatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni i quali, al termine di approfondite indagini, seguendo le tracce “informatiche” che l’uomo aveva lasciato, lo hanno individuato.

Nel corso della perquisizione i poliziotti hanno trovato e sequestrato il cellulare contenente la scheda con la quale erano avvenute le conversazioni ed erano state scambiate le foto “oggetto del ricatto”, nonchè la carta postepay che l’uomo aveva indicato alla donna sulla quale versare la somma richiesta. Un fenomeno, quello della cosiddetta “Sextortion” (letteralmente estorsione sessuale), ben conosciuto dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni.
Le vittime sono prevalentemente uomini ma negli ultimi tempi anche donne: persone sole o sposate, ma anche ragazzi e ragazze minorenni, di tutte le fasce sociali. La seduzione avviene in chat. Generalmente il primo contatto ha luogo su un Social network qualsiasi. L’immagine utilizzata è quella di  una persona “avvenente” e così, dopo essersi scambiata “l’amicizia” e qualche battuta in “chat”, ci si sposta su Skype per una “video chiamata”.
Nel frattempo la conversazione si fa intima, il ricattatore sale di livello, inviando un suo video hard, così da far capire le intenzioni e le linee del rapporto. Quindi chiede di mantenere la stessa condotta alla vittima, la quale si spoglia, inconsapevole di essere ripresa in un video. A questo punto scatta l’estorsione, con la minaccia che il video registrato venga pubblicato su Youtube, e magari condiviso con tutti i “contatti social” della persona ripresa.

Tags:
foto hardvideo hardricatto sessualesextortionestorsionepolizia postale
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Coronavirus, vaccinati in Vaticano venticinque senzatetto di piazza San Pietro

Coronavirus, vaccinati in Vaticano venticinque senzatetto di piazza San Pietro

i più visti
i blog di affari
Grande Fratello Vip, endorsment di Zorzi: indovinate chi è l’opinionsita?
Francesco Fredella
Conti Confetteria non si ferma e debutta con la sua elegante boutique on line
Nell’ era del COVID, la Comunicazione è l’unica cosa che ci mantiene vivi.
Francesca Lovatelli Caetani

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.