A- A+
Roma
Soldi per velocizzare trasferimento: in manette poliziotto del Viminale

Poliziotto chiedeva soldi per accelerare pratiche di trasferimento dei colleghi: scattati gli arresti domiciliari, con l'accusa di traffico di influenze illecite, per un 46enne assistente capo in servizio all'ufficio trasferimenti del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell'Interno.

 

A prendere questa decisione è stato il gip Giulia Proto accogliendo una richiesta della procura di Roma che contesta a all'uomo di essersi fatto promettere 800 euro, come prezzo della propria mediazione illecita, da un agente della Questura di Genova, desideroso di essere spostato presso la Questura di Palermo dove abitava la famiglia, affinché agevolasse e accelerasse la sua pratica di trasferimento.

Il poliziotto arrestato, secondo l'ipotesi d'accusa, sfruttava e vantava relazioni esistenti e presunte con pubblici ufficiali ma per il gip "ha millantato conoscenze che non aveva e favori che non poteva fare, in cambio di denaro". Il via all'inchiesta è scaturito proprio dalla denuncia presentata dal poliziotto interessato al trasferimento ma dagli accertamenti è emerso che la condotta dell'arrestato non fosse occasionale. Il poliziotto, infatti, si sarebbe reso disponibile, in cambio di 500 euro, ad aiutare un ragazzo che lavora nell'Esercito a Brunico di essere trasferito a Roma.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    solditrasferimentopoliziottoviminaleministero dell'internopratichetraffico di influenze illecite



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
    Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.