A- A+
Roma
Sparatoria a Roma, uccisa un 81enne: anziana vittima di uno scontro tra Sinti

Potrebbe essere morta a causa di un proiettile esploso in una sparatoria tra sinti la donna di 81 anni deceduta venerdì mattina in ospedale a Roma a seguito della sparatoria avvenuta giovedì in via Prenestina.

Su questo, secondo quanto si apprende, si starebbero concentrando le indagini della Squadra Mobile della polizia coordinate dalla Dda della Capitale.

E' ancora caccia aperta alla 500 dalla quale sarebbe partito il colpo

Il proiettile, secondo una prima ricostruzione, è stato esploso da una 500 rossa che poi si è allontanata.

Recuperati cinque bossoli calibro 380

I bossoli di calibro 380  sono stati recuperati dalla polizia scientifica ad alcune decine di metri di distanza, proprio di fronte al centro commerciale. La conferma che chi ha aperto il fuoco lo ha fatto senza preoccuparsi del fatto di trovarsi in un luogo affollato. Uno dei proiettili ha raggiunto una vettura in transito. Non si esclude però che gli altri abbiano raggiunto l'auto che era l'obiettivo dell'agguato, una Cinquecento, ferendo qualcuno all'interno.







Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce

Via dell'Umiltà, 36: una volta Forza Italia, ora un hotel e si mangia pesce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.