A- A+
Roma
Spazio, la rivoluzione: l'Esa manda Thales Alenia Space a caccia di comete
(fonte Lapresse)

Thales Alenia Space, joint venture tra Thales e Leonardo, è stata selezionata dall’Esa - Agenzia Spaziale Europea per guidare uno dei due studi paralleli per la missione Comet Interceptor, uno studio per scoprire comete incontaminate mai viste prima.

La missione Comet Interceptor è composta da un veicolo spaziale e due piccole sonde. Selezionata ufficialmente da ESA a Giugno 2019, la missione utilizza tecnologia innovativa per la scoperta di nuove comete, con l’obiettivo di fornire informazioni sulle comete incontaminate che entrano nel Sistema Solare interno o sugli oggetti interstellari che attraversano il Sistema Solare. La missione scientifica è stata originariamente proposta da un team internazionale guidato, tra gli altri, da docenti universitari britannici dell’University College di Londra e dell’Università di Edimburgo.

I tre elementi della missione sono una navicella madre, fornita e gestita da ESA e due piccole sonde, una (B1) fornita dall’Agenzia Spaziale Giapponese JAXA e una (B2) da ESA stessa, entrambe trasportate come payload a bordo della navicella madre.

Il lancio della missione è previsto per il 2028 e il veicolo attenderà il passaggio di un bersaglio adatto; viaggerà quindi verso l’obiettivo e i tre moduli che lo costituiscono si separeranno pochi giorni prima di intercettare la cometa. Ogni modulo sarà dotato di strumentazione scientifica complementare, in grado di fornire diverse prospettive del nucleo della cometa e del suo ambiente di gas, polvere e plasma. Tali misure multi-point miglioreranno notevolmente le informazioni tridimensionali necessarie per comprendere la natura dinamica di una cometa incontaminata mentre interagisce con l’ambiente del vento solare, in costante cambiamento.

Gli strumenti della missione saranno forniti da un consorzio di istituti di ricerca e si saranno basati su precedenti missioni ESA come Giotto ed il Trace Gas Orbiter di ExoMars, attualmente operativo con i suoi strumenti per polveri, campi e plasma, oltre a uno spettrometro di massa, come quelli che hanno volato sula sonda Rosetta.

Nella fase di studio, Thales Alenia Space nel Regno Unito sarà responsabile del design del veicolo spaziale, così come della preparazione della fase di sviluppo che include  l’assemblaggio, l’integrazione e i test del segmento spaziale, il supporto alle operazioni di lancio e del commissioning in orbita. Al fine di garantire l’aspetto scientifico della missione, Thales Alenia Space nel Regno Unito sarà alla guida di un consorzio internazionale formato da partner di punta in settori cruciali per il COMET-I. Thales Alenia Space in Italia e in Francia faranno parte del team, grazie alla loro esperienza senza pari nelle missioni Sole-Terra in Lagrange2, Thales Alenia Space in Spagna per i sottosistemi di Telecomunicazione e GMV per il sofisticato sottosistema di Guida, Navigazione & Controllo.

“L’industria spaziale in UK è in crescita e questa eccezionale missione è la prova della nostra esperienza a livello mondiale – ha dichiarato il Ministro Scientifico Amanda Solloway – Sono davvero orgogliosa che scienziati e ingegneri di Bristol e Harwell progetteranno il veicolo Comet Interceptor. Il loro  incredibile lavoro non solo ci aiuterà a comprendere meglio l’evoluzione delle comete ma anche i misteri dell’Universo.

“Sono soddisfatto che ESA abbia riposto, ancora una volta, la sua fiducia negli scienziati e ingegneri di Thales Alenia Space nel Regno Unito le cui competenze derivano dalla parteciapzione alle precedenti missioni scientifiche come Giotto e Rosetta - ha commentato Andrew Stanniland, CEO di Thales Alenia Space nel Regno Unito -  Siamo entusiasti di essere a supporto di questa missione scientifica senza precedenti, che svelerà nuove informazioni sulle origini del nostro Universo.”

Commenti
    Tags:
    spazioesaagenzia spaziale europeathales alenia spacecomete



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
    Dario Ciracì
    il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.