A- A+
Roma
Stadio Roma, chiuso filone d'inchiesta: indagati anche fratelli Toti e Statuto

Nuovo stadio della Roma, la procura chiude il terzo filone di indagine con una decina di persone a rischio processo. L'atto di chiusura dell'inchiesta, che di solito anticipa la richiesta di rinvio a giudizio, chiama in causa, oltre a Marcello De Vito, all'avvocato Camillo Mezzacapo e all'imprenditore Luca Parnasi, tutti e tre già a dibattimento, anche i costruttori Pierluigi e Claudio Toti e Giuseppe Statuto.

 

I reati contestati dai magistrati, a seconda delle singole posizioni, sono quelli di corruzione, traffico di influenze ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

I pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli ritengono che De Vito abbia indotto i fratelli Toti, interessati all'iter amministrativo che riguardava il progetto di riqualificazione degli ex Mercati Generali, in fase di stallo, ad assegnare un incarico professionale allo studio legale dell'avvocato Mezzacapo, remunerato con un importo pari a 110mila euro, trasferiti dalla società 'Silvano Toti Holding spa' allo stesso legale e da quest'ultimo trasferiti, per 48mila euro su un conto intestato alla società MDL srl, riconducibile allo stesso Mezzacapo e al presidente dell'assemblea capitolina. Pierluigi Toti, poi, nella veste di presidente del cda della 'Silvano Toti Holding spa', "al fine di evadere le imposte sui redditi", avrebbe indicato "elementi passivi fittizi utilizzando nella dichiarazione relativa al 2017, la fattura emessa da Mezzacapo e relativa ad una operazione inesistente".

Quanto a Statuto, che in questa inchiesta è entrato in ballo nella veste di amministratore unico della Statuto Lux holding Re, i pm sono convinti che il costruttore abbia promesso ed erogato in favore di De Vito e Mezzacapo la somma di 24.500 euro, sempre come incarico professionale allo studio legale dell'avvocato, affinchè si intervenisse su "soggetti impegnati nell'iter amministrativo per il rilascio del permesso di costruire, con cambio di destinazione d'uso e ampliamento, di un edificio nell'area dell'ex Stazione Trastevere, di interesse della 'Ippolito Nievo srl', società del gruppo Statuto, che avrebbe voluto costruirvi un hotel.

A Parnasi, invece, la procura contesta, tra il marzo 2017 e il giugno 2018, l'erogazione, per lo svolgimento della funzione di De Vito e l'asservimento della stessa funzione esercitata agli interessi dell'imprenditore, "di molteplici utilità e tra queste l'affidamento, o anche la sola promessa, di lucrosi incarichi" allo studio Mezzacapo, sempre per la rimozione di ostacoli nella costruzione dello Stadio o per l'approvazione di una delibera in consiglio comunale per la realizzazione nella zona della ex Fiera di Roma di un campo di basket e di un polo per la musica, "superando le limitazioni poste dalla delibera Berdini che aveva limitato le cubature in quella zona fino a 44mila metri cubi".

Stadio Roma: per ad Acea si va verso richiesta archiviazione

Inoltre la procura si accinge a chiedere al gip l'archiviazione della posizione di Stefano Donnarumma, l'amministratore delegato di Acea. Donnarumma era finito nel mirino dei pm dalla scorsa primavera per due sponsorizzazioni da 25mila euro ciascuno, che Acea fece per i concerti di Natale 2017 e 2018 tenutisi presso l'Auditorium di via della Conciliazione. Gli inquirenti sospettavano che questa dazione di denaro, promessa ed erogata da Donnarumma a Marcello De Vito, per il tramite di Camillo Mezzacapo, fosse il frutto di una corruzione, in virtù di un accertato rapporto di conoscenza tra il manager e il presidente dell'Assemblea capitolina. Sospetto che i legali dell'ad di Acea hanno dimostrato essere assolutamente infondato.

Stadio Roma: addio Tor di Valle, accordo Friedkin-Caltagirone per Tor Vergata

Loading...
Commenti
    Tags:
    stadio romastadio roma newsinchiesta stadio romade vitoparnasimezzacapostadio roma processopierluigi toticlaudio totigiuseppe statutodonnarumma acea




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Casamonica, blitz all'alba: al via sgombero e abbattimento delle ville abusive

    Casamonica, blitz all'alba: al via sgombero e abbattimento delle ville abusive

    i più visti
    i blog di affari
    Esercito per strada, coprifuoco, divieto di assemblea: che sta succedendo?
    Campagna di crowdfunding su Crowdfundme per Esdebitami Retake, Società Benefit
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    Il mercato della bici in Italia viaggia veloce. Intervista a Gianluca Bernardi
    Francesca Lovatelli Caetani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.