A- A+
Roma
Stadio Roma, Raggi indagata per abuso d'ufficio: i pm chiedono l'archiviazione

Stadio Roma a Tor di Valle, chiesta dai pm l'archiviazione per la Raggi: il sindaco era indagato per abuso d'ufficio a causa di un esposto presentato dall'architetto Francesco Sanvitto.

 

Nuova richiesta di archiviazione per la sindaca di Roma Virginia Raggi, indagata per abuso d'ufficio in uno dei filoni di inchiesta legati allo stadio che dovrebbe sorgere nell'area di Tor di Valle. La richiesta è firmata dalla procura dopo il no del gip Costantino de Robbio alla prima archiviazione.

Il 20 aprile scorso, infatti, il giudice aveva restituito gli atti al pm Elena Neri per ulteriori indagini finalizzate, in particolare, a raccogliere le dichiarazioni del consigliere del IX Municipio Paolo Barros e del presidente della Commissione Urbanistica dello stesso Municipio, Paolo Mancuso, entrambi ex M5s, sentiti poi un mese fa circa. Ma il quadro probatorio nei confronti della sindaca non è cambiato e la procura ora ha sollecitato di nuovo un provvedimento di archiviazione, su cui il gip dovrà pronunciarsi entro qualche settimana. Virginia Raggi era finita sotto inchiesta a seguito di un esposto dell'architetto Francesco Sanvitto, per conto dell'associazione 'Tavolo della libera urbanistica'.

Secondo Sanvitto, il reato di abuso d'ufficio commesso dalla sindaca (e ritenuto insussistente dalla procura) sarebbe legato alle procedure con le quali il Comune ha scelto di pubblicare il progetto per il nuovo stadio della Roma, approvato dalla Regione Lazio nella Conferenza dei Servizi, prima di farlo approvare dal Consiglio Comunale.

"Vi racconto una storia, poco divertente anche se interessante: la procura ha richiesto nuovamente l’archiviazione dell’ennesima accusa infamante nei miei confronti. Secondo i magistrati che portano avanti le indagini, infatti, l’esposto che mi chiama in causa non ha alcun fondamento". Lo scrive il sindaco di Roma Virginia Raggi sul suo profilo Facebook. "Il lavoro dei giudici - prosegue - è nato per una fantasiosa denuncia presentata da un architetto. Nessuna cena carbonara nessun complotto ordito in segrete stanze, nessun reato. Soltanto la solita gogna mediatica nei confronti miei e della amministrazione di Roma: titoloni di giornale, fango e parole di fuoco da parte di una opposizione senza arte né parte. Dalla nostra parte - conclude - abbiamo la consapevolezza di perseguire sempre e soltanto gli interessi della città".

Commenti
    Tags:
    stadio romaraggiraggi indagatator di valleabuso d'ufficiopmarchiviazionegipfrancesco sanvitto




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Le mani della camorra sui ristoranti di Roma: 13 arresti, anche i Moccia

    Le mani della camorra sui ristoranti di Roma: 13 arresti, anche i Moccia

    i più visti
    i blog di affari
    "Abbiamo fatto l'eterologa. Ma ora lui minaccia di disconoscere nostra figlia"
    di Dott.ssa Violante Di Falco*
    Libertà, Spartaco si è ribellato dalle catene anche se sapeva già di perdere
    Sinaptica conferma il trend di ripresa della produzione industriale italiana
    Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.