A- A+
Roma
Stanlio e Ollio, il film maledetto che li ha portati nella tomba. Ora un libro

di Patrizio J. Macci

L’ultimo malinconico film interpretato da Stanlio e Ollio nel 1951 torna a vivere grazie alla tenacia e alla determinazione di Ignazio Gori e Enzo Pio Pignatiello che lo passano allo scanner in un volume infarcito di illustrazioni.

Apolide, utopico, ucronico e “maledetto” è il loro ultimo ruolo da protagonisti sul grande schermo, la ricomparsa dopo un prolungato periodo di assenza. Un film nato ideato e realizzato per sfruttarne il nome e la celebrità all’epoca intatta in Europa.La trama della storia è anomala rispetto al registro comico nel quale si è soliti vederli impegnati. La coppia si imbarca in un viaggio pop e sgangherato a bordo di uno yacht con lo scopo di riuscire a venire in possesso di una remota isola del Pacifico ereditata da Stanlio. L’Atollo K appunto. Ovviamente si ritroveranno nei guai impigliati come un gatto che lotta con un gomitolo di lana nella situazione internazionale del Dopoguerra. Ingaggiano una lotta furiosa con i problemi della quotidianità: le tasse, la politica, la cittadinanza e infine l’uranio e l’energia atomica

Pignatiello è riuscito a recuperare la sceneggiatura originale dagli eredi di Piero Tellini che fu chiamato a sbrogliare la matassa di un film che rischiava di naufragare miseramente. Il film è stato sempre considerato dai critici un fallimento, invece è un piccolo gioiello nel quale si possono ammirare i due re della comicità in precarie condizioni di salute ma ancora attivi nel disperato tentativo di rinnovare la loro comicità, aprendosi al registro della satira.Ricco di un apparato critico il volume contiene una copia integrale della sceneggiatura di Tellini, principe degli sceneggiatori italiani, che permette di ricostruire il vero finale dell’opera al momento scomparso dalla circolazione. La definizione esatta è disperso, perché Pignatiello non dispera di ritrovarlo. Sono una manciata di minuti nascosti chissà dove nel buio di qualche armadio polveroso. Per i veri cinefili c’è una chicca gustosissima: “Chi trova un amico trova un tesoro” interpretato da Bud Spencer e Terence Hill nel 1981 è un calco pressoché esatto del lavoro dei due attori americani.

“Atollo K, l’isola della felicità Laurel e Hardy nel loro ultimo film insieme” Pioda Imaging edizioni di E. P. Pignatiello.

Loading...
Commenti
    Tags:
    stanlioollioatollo kignazio gorienzo pio pignatielloeditoria
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, i dipendenti di Atac e Cotral si iscrivono al Sindacato degli immigrati

    Roma, i dipendenti di Atac e Cotral si iscrivono al Sindacato degli immigrati

    i più visti
    i blog di affari
    Dl Intercettazioni, è legge: benvenuti nell’ordine del totalitarismo liberale
    di Diego Fusaro
    Consiglio di Amministrazione Isagro S.p.A. Nuova data per l'assemblea
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Coronavirus, ristorante cino-giappo chiuso per solidarietà. Quanta dignità
    di Angelo Maria Perrino

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.